eurochampions.it
Mercoledì 22 Gennaio 2020                     
Ancora super Meret, così tenerlo come terzo in Nazionale diventa difficile

Ancora super Meret, così tenerlo come terzo in Nazionale diventa difficile

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 di Davide Marchiol   Vedi letture

Tutti i fari oggi sono sulla doppietta di Mertens, che ha superato Maradona. e  sul gol di Insigne, match winner in una sfida complicata come quella contro un Salisburgo che si è rivelato un osso molto più duro di quanto ci si potesse aspettare. Si è preso, ingiustamente, un po' meno le prime pagine dei giornali Alex Meret, che con un'altra super prestazione ha permesso al Napoli di portare a casa la vittoria. Nel primo tempo il giovanissimo portiere friulano ha tenuto in piedi per almeno mezz'ora da solo lo 0-1, prima con un'uscita che per un giocatore del suo spessore è quasi banale, poi con una parata da terra da antologia, chiudendo infine con un gran tuffo, contro un Salisburgo che aveva letteralmente annullato il tanto decantato gioco partenopeo dopo il vantaggio firmato dal belga.

Questa prestazione fa seguito alla grande partita giocata contro l'Hellas Verona, dove forse Meret è stato stimolato un po' meno, ma la tripla parata sullo 0-0 è stato un qualcosa da registrare e far vedere nelle scuole calcio. Prima la chiusura sul primo palo, poi il balzo felino al centro e infine la più classica delle parate da calcetto al momento del tentativo di tap in. Un portiere giovanissimo dicevamo, appena 22 anni, che si è messo alle spalle alla grande il primo periodo campano, che era stato complicato a causa di un problema di pubalgia. Proprio per questo Ancelotti può contare anche su Ospina e Karnezis, due profili non da poco, specie se riserve.

Ormai però l'ex Udinese si è preso la porta campana e, con queste prestazioni, è difficile che gli venga tolta, se non per motivi di mero turn over, come per esempio potrebbe essere in Coppa Italia. Però fa veramente specie che un estremo difensore così attento e preciso, che ha lavorato abbondantemente sui limiti mostrati alla SPAL e li ha cancellati quasi in toto, sia semplicemente il terzo portiere nella nazionale di Mancini. Sirigu è una garanzia, ma non può essere il futuro degli azzurri, nel ballottaggio con Donnarumma invece al momento Meret sta nettamente vincendo il confronto, con parate straordinarie in tutti i casi, sia che sia una partita di campionato sulla carta facile per il Napoli, sia che si tratti di Champions League.


Altre notizie - Approfondimenti
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

UN'IMPRESA STORICA

Non c'è altro modo per parlare dell'Atalanta che stasera ha abbattuto lo Shakhtar Donetsk a Kharkiv. Una impresa che resterà nella storia, perché alla prima partecipazione i nerazzurri riescono, dopo tre partite perse, a passare un girone che sembrava...

RIPARTIRE DA MILIK. A NAPOLI DOPO GENK IDEE PIÙ CHIARE (ANCHE SUL RINNOVO)

Ripartire da Milik. A Napoli dopo Genk idee più chiare (anche sul rinnovo)E sono otto. Cinque in campionato, i primi tre in Champions League. Milik è tornato dopo oltre un mese ha fatto capire perché, senza di lui, il Napoli nelle ultime partite ha faticato così tanto in zona gol. Contro...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.