VERSIONE MOBILE
eurochampions.it
Lunedì 26 Agosto 2019                     
Juve-Atletico 3-0, analisi di una vittoria schiacciante

Juve-Atletico 3-0, analisi di una vittoria schiacciante

L'esultanza della Juve al 90'
© foto di www.imagephotoagency.it
Il successo di ieri è figlio di diversi fattori, dai giocatori all'allenatore passando da quel fenomeno incredibile che è Cristiano Ronaldo; andiamo a vedere come è nata la remuntada bianconera
 di Francesco Mariello   Vedi letture

L'impresa della Juventus ha ragioni precise e circostanziate, che il semplice ardore o la voglia di riscatto non possono giustificare. Certo, le motivazioni hanno giocato un ruolo non di secondaria importanza, ma il successo va ricondotto all'interno di determinati aspetti tecnico-tattici:

1 – Il Modulo

Nei giorni precedenti, l'ipotesi che andava per la maggiore era quella di una cosiddetta “allegrata”, cioè una scelta di uomini e modulo assolutamente inedita ed imprevista che il tecnico livornese aveva già attuato in situazioni simili. Alla fine invece non è accaduto nulla di tutto ciò, almeno sulla carta. La Juve si è schierata con il consueto 4-3-3 con Spinazzola nelle veci dello squalificato Alex Sandro. Tutto normale insomma, e invece nocome vediamo nel passaggio successivo di questa analisi...

2 – L'interpretazione

Che l'Atletico fosse vulnerabile sugli esterni era cosa nota; il problema era trovare il modo ed il tempo giusto per attaccare le bande laterali dei Colchoneros e, visti i risultati dell'andata, non si trattava esattamente di un'impresa semplice. L'intuizione di Allegri sta nella scelta di Emre Can; il tedesco sulla carta gioca da mezz'ala destra, ma in realtà si abbassava andando di fatto a formare una difesa a tre che permetteva a Cancelo di spingere da quel lato sapendo di essere con le spalle coperte ma di riflesso anche a Spinazzola a sinistra, uno che quando giocava a 5 nell'Atalanta arava la fascia che era un piacere e così è stato. Con Bernardeschi e Ronaldo poi che si andavano ad allargare, la superiorità numerica era garantita. Nella zona nevralgica inoltre, l'onnipresenza di Emre Can portava al tre contro due con Saul e Rodri presi in mezzo ed anche in difficoltà per l'ondivagare di un Bernardeschi che quando tagliava dentro non aveva nessuno a coprirlo (vedi gol dell'1-0, ndr).

3 – L'intensità

Se nella gara del Wanda Metropolitano abbiamo accusato la Juventus di essere in palese ritardo di condizione, la sfida dello Stadium ha diametralmente ribaltato la prospettiva, con alcuni uomini chiave a macinare chilometri in campo e soprattutto mettendo una pressione costante agli uomini di Simeone che non hanno mai avuto una vera chance di uscire rapidamente in contropiede e soprattutto tutte le seconde palle finivano sistematicamente nei piedi bianconeri.

4 – Cristiano Ronaldo

Alla fine possiamo fare tutti i discorsi che vogliamo, ma se questo ragazzino di 34 anni decide di vincere una partita, la vince. Il portoghese finora aveva segnato un solo gol in questa Champions League ma quando vede una maglia biancorossa si scatena: sono 26 i gol realizzati contro l'Atletico e il tris offerto allo Stadium è di stordente efficacia. L'Europa è il suo terreno di caccia e nelle partite decisive risponde sempre presente; carica l'ambiente, il pubblico, i compagni, vuole tutti sul pezzo e non sbaglia una mossa. Dapprima va a punire oltre i suoi demeriti Juanfran che a sinistra non si trova granché, lo sovrasta sul secondo palo e riapre i discorsi. Poi, ad inizio ripresa, salta in mezzo a Godin e Gimenez, due che di solito di testa dominano (e che peraltro hanno firmato le due reti dell'andata, ndr) e batte di due centimetri uno dei migliori portieri al Mondo, Oblak, che ci arriva sì, ma quando ormai è oltre la linea ed infine va a realizzare il rigore della qualificazione. Lui questi non li sbaglia (chiedere alla stessa Juve per conferma, ndr), potrà sbagliare contro Beiranvand nel girone mondiale o contro Sorrentino, ma quando il pallone pesa 7 kg state tranquilli che lo butterà dentro...


Altre notizie - Approfondimenti
Altre notizie

SONDAGGIO

QUALE SQUADRA STA FACENDO IL MERCATO MIGLIORE?
  Juventus
  Real. Madrid
  Barcellona
  Manchester City
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Psg
  Tottenham
  Liverpool
  Inter
  Napoli

CR7: "LA JUVENTUS VINCERÀ LA CHAMPIONS ENTRO DUE ANNI". SOGNO O REALTÀ?

CR7: "la Juventus vincerà la Champions entro due anni". Sogno o realtà?Durante la consegna del premio "Marca Leyenda", Cristiano Ronaldo ha parlato così ai microfoni del quotidiano spagnolo Marca: "ho lasciato il Real perchè avevo bisogno di motivazioni dopo aver vinto tutto a...

IL BAYERN FA FUORI MULLER: A MONACO NON C'È PIÙ SPAZIO PER IL TEDESCO. ECCO IL PERCHÉ

Il Bayern fa fuori Muller: a Monaco non c'è più spazio per il tedesco. Ecco il perchéChe fine ha fatto Thomas Muller? Se lo chiedono in molti al Bayern. Il tedesco, che per anni è stato una colonna portante dei bavaresi e della nazionale tedesca, è sparito dai radar. Prestazioni sottotono, numeri in netto calo...

ESCLUSIVA EC - AMETRANO: "LA MIA JUVE ERA LA SQUADRA PIÙ FORTE DEL MONDO. LIPPI TI FACEVA DARE QUALCOSA IN PIÙ IN CAMPO. LA SFIDA CON L'AJAX? PASSERANNO I BIANCONERI"

ESCLUSIVA EC - Ametrano: "La mia Juve era la squadra più forte del mondo. Lippi ti faceva dare qualcosa in più in campo. La sfida con l'Ajax? Passeranno i bianconeri"Oggi è il giorno di Juve-Ajax, la decisiva sfida che vale un posto in semifinale di Champions League. Un appuntamento che Ronaldo e compagni non vogliono, anzi possono, fallire. La coppa dalle grandi orecchie è diventata...

FERNANDO TORRES LASCIA IL CALCIO: È GIUNTO IL "CANTO DEL NIÑO"

Fernando Torres lascia il calcio: è giunto il "canto del Niño"Fernando Torres si ritira dal calcio giocato lasciandosi alle spalle tanti gol, prestigiosi trofei ma soprattutto le lacrime di chi l'ha amato sempre, sia nei momenti migliori che in quelli peggiori.