eurochampions.it
Domenica 8 Dicembre 2019                     
La giostra Ajax fa tremare la Juve, ma in difesa si balla troppo

La giostra Ajax fa tremare la Juve, ma in difesa si balla troppo

© foto di Imago/Image Sport
 di Francesco Cammuca   Vedi letture

Alzi la mano chi si sarebbe aspettato di parlare dell'Ajax come di una squadra capace di spazzare via il Real Madrid dei tri-campioni d'Europa, per poi chiudere l'andata dei quarti di finale di Champions League con il rimpianto di aver chiuso "solo" sull'1-1 contro la Juventus, ovvero una delle squadre che ha i favori del pronostico per la conquista della coppa con le grandi orecchie. Eppure, dopo aver visto i 90 minuti giocati in una Johan Crujiff Arena grondante come sempre di entusiasmo e capace di spingere come pochi stadi al mondo, la sensazione che si è avuta è esattamente questa. Ancora una volta i ragazzi terribili di mister ten Hag hanno tenuto splendidamente il campo contro una squadra quadrata, ben bilanciata e schierata nelle migliori condizioni possibili da Allegri.

Il fatto di attaccare e tenere palla a viso aperto e in maniera quasi sfacciata contro una formazione come contro la Juventus avvalora ancor di più la strepitosa stagione che i lanceri stanno portando avanti. La rimonta in Eredivisie ai danni del PSV Eindhoven e il cammino fin qui scintillante in Champions hanno trovato ulteriore conferma nella prestazione sfoderata ieri sera sul proprio campo. Ancora una volta il tridente composto da David Neres, Tadic e Ziyech si è dimostrato ampiamente all'altezza della situazione. Il brasiliano, al di là del gran gol del pareggio, ha mandato ai matti Cancelo così come ha fatto dall'altra parte il suo omologo marocchino ai danni di Alex Sandro. Sempre pericolosissimo il serbo, che da falso 9 sta dimostrando quanto la sua carriera può ulteriormente allungarsi.

Ancora una volta l'Ajax paga una tenuta difensiva che in un certo senso è l'altra faccia della medaglia rispetto allo showtime che si vede dall'altra parte del campo. Lasciare uno come Cristiano Ronaldo da solo a centro area è un crimine che paghi con un gol 11 volte su 10, specialmente con il portoghese che rientrava dopo alcune settimane di stop e aveva una fame di reti ancor più grande del normale. Il tutto nonostante l'ennesima prestazione mostruosa di un Matthias de Ligt ormai pronto per il salto di qualità. Chissà, magari con la maglia della squadra che per il momento si pone tra sè e la semifinale di Champions...


Altre notizie - Approfondimenti
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

PAULO DYBALA E UNA SERATA DA DIEGO

Paulo Dybala e una serata da DiegoAl ventesimo minuto di Juventus contro Atletico Madrid, i sedili dell'Allianz Stadium di Torino hanno tremato. Sbattuti contro gli schienali, anche il più comodo dei tifosi è saltato sugli stivali. Un lancio lungo, un...

IL LILLA IN CHAMPIONS NON RIESCE PIÙ A VINCERE

Il Lilla in Champions non riesce più a vincere20 novembre 2012. Bisogna andare ben 7 anni indietro per trovare l'ultimo successo del Lilla nella UEFA Champions League. Quella volta a cadere fu il BATE Borisov, in Bielorussia tra l'altro. Si va addirittura ad 11 anni fa per...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.