VERSIONE MOBILE
eurochampions.it
Lunedì 26 Agosto 2019                     
Eurolega: James incanta, ma il Real rimonta 18 punti all'Olimpia e la sconfigge ancora

Eurolega: James incanta, ma il Real rimonta 18 punti all'Olimpia e la sconfigge ancora

Nella 27esima giornata di Eurolega, l'Olimpia Milano non sfrutta i 35 punti di James e un vantaggio di 18 punti, perdendo il dodicesimo confronto consecutivo contro il Real Madrid.
 di Andrea Piazza   Vedi letture

Non riesce il colpaccio all'Olimpia Milano a Madrid, che come all'andata parte forte ma non riesce a resistere all'impeto degli spagnoli, che si confermano assoluta bestia nera per i milanesi (12° scontro diretto perso di fila). Gli uomini di Pianigiani (14-13) scendono al settimo posto in classifica e venerdì si giocheranno una fetta importante di stagione nello scontro diretto contro il Panathinaikos al Forum, di vitale importanza per le speranze playoff di entrambe le squadre.

LA PARTITA – Nei primi minuti di gioco sembra chiaro il piano partita di coach Pianigiani per scardinare la difesa del Real: attaccare in ogni gioco a 2 Tavares. Che sia il portatore di palla a concludere al tiro o il bloccante, ogni pick-and-roll deve coinvolgere il centro capoverdiano, in difficoltà nel trovare il giusto tempismo nell’accorciare o nel droppare sotto canestro. Non è un caso quindi che i primi 17 punti di Milano arrivino tutti sfruttando questa tipologia di gioco, ma sorprende l’incredibile precisione dal campo (9-9) che porta gli ospiti sul +9 (13-20). Il Real non riesce a reagire ed è costretta ad assistere al Mike James Show, che segna in qualsiasi modo e chiude il quarto con 17 punti (!!!) all’attivo, trascinando i suoi sul +14 a fine 1° quarto – solo 3 errori dal campo per i milanesi. Lì dove ha lasciato James, ricomincia Nedovic con la second unit, entrando in ritmo e segnando canestri di pregevoli fattura fra cui una tripla in stepback (34-47). Pablo Laso si infuria con i suoi e si gioca la carta Felipe Reyes – giocatore con più partite all’attivo in Eurolega, superato Navarro – per cercare di raddrizzare il match. Milano tocca più volte il +18 ma poi smette di muovere la palla e di attaccare il canestro, permettendo agli spagnoli di tornare in partita grazie anche ad un ispirato Ayon, bravo ad attaccare un Omic in palese difficoltà. Kuzminskas nel mentre riesce a guadagnarsi qualche libero di esperienza smuovendo un po’ l’attacco di Milano, ma il Real ricuce le distanze e chiude all’intervallo sotto di solo 6 punti (50-56).

Il secondo tempo incomincia con un altro Real Madrid soprattutto nella metà campo difensiva. Pablo Laso ordina a Tavares di stare alto su tutti i blocchi e questo porta indubbi benefici alla squadra, che grazie ad un parziale di 12-4 si affaccia per la prima volta avanti nel punteggio a metà quarto (62-60). Randolph sale di livello, Milano è costretta a togliere Tarczewski dal campo per un fallo (4°) dubbio fischiato a rimbalzo e il Real con due triple di fila di Llull vola sul +8 (73-67). Gli ospiti però non perdono terreno e riescono addirittura a chiudere in vantaggio il 3° quarto grazie ad una tripla sulla sirena di Nunnally (74-75). Il quarto periodo inizia all’insegno dei nervi e della confusione, con le due squadre incapaci di trovare la via del canestro con facilità. James perde una brutta palla e sulla transizione degli avversari Fernandez segna e costringe Pianigiani al timeout a 5 minuti dalla fine (86-80). L’interruzione di gioco giova all’Olimpia che difende forte e che con il 33esimo punto (massimo stagionale) di James ritorna sul -2 con 3’38” ancora da disputarsi. Gli uomini di Laso con 6 punti veloci rispediscono Milano sul -8 e sembrano chiudere la partita, ma una tripla di Nunnally e una penetrazione fulminea di James riportano il risultato in bilico, costringendo l’allenatore spagnolo ad un timeout a 1 minuto e 39 dalla fine. Nessuno riesce più a segnare dall’arco, Milano nel finale riesce a far prendere a Llull un tiro forzatissimo ma sul contropiede successivo Nedovic sciupa tutto cercando un fallo a nove metri dal canestro, regalando il possesso al Real con 3 secondi sul cronometro e di conseguenza anche la partita.

Real Madrid: Llull 14, Randolph 13, Tavares 9 (9 rimbalzi), Ayon 11 (10 rimbalzi), Fernandez 9 punti, Campazzo 7, Carroll 7, Taylor 5, Causeur 2, Deck 2.

Olimpia Milano: James 35 (8 rimbalzi), Nunnally 16, Nedovic 16, Micov 8, Tarczewski 7, Kuzminskas 7.

Top Scorer: Mike James (35 punti, massimo stagionale).


Altre notizie - Basket
Altre notizie

SONDAGGIO

QUALE SQUADRA STA FACENDO IL MERCATO MIGLIORE?
  Juventus
  Real. Madrid
  Barcellona
  Manchester City
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Psg
  Tottenham
  Liverpool
  Inter
  Napoli

CR7: "LA JUVENTUS VINCERÀ LA CHAMPIONS ENTRO DUE ANNI". SOGNO O REALTÀ?

CR7: "la Juventus vincerà la Champions entro due anni". Sogno o realtà?Durante la consegna del premio "Marca Leyenda", Cristiano Ronaldo ha parlato così ai microfoni del quotidiano spagnolo Marca: "ho lasciato il Real perchè avevo bisogno di motivazioni dopo aver vinto tutto a...

IL BAYERN FA FUORI MULLER: A MONACO NON C'È PIÙ SPAZIO PER IL TEDESCO. ECCO IL PERCHÉ

Il Bayern fa fuori Muller: a Monaco non c'è più spazio per il tedesco. Ecco il perchéChe fine ha fatto Thomas Muller? Se lo chiedono in molti al Bayern. Il tedesco, che per anni è stato una colonna portante dei bavaresi e della nazionale tedesca, è sparito dai radar. Prestazioni sottotono, numeri in netto calo...

ESCLUSIVA EC - AMETRANO: "LA MIA JUVE ERA LA SQUADRA PIÙ FORTE DEL MONDO. LIPPI TI FACEVA DARE QUALCOSA IN PIÙ IN CAMPO. LA SFIDA CON L'AJAX? PASSERANNO I BIANCONERI"

ESCLUSIVA EC - Ametrano: "La mia Juve era la squadra più forte del mondo. Lippi ti faceva dare qualcosa in più in campo. La sfida con l'Ajax? Passeranno i bianconeri"Oggi è il giorno di Juve-Ajax, la decisiva sfida che vale un posto in semifinale di Champions League. Un appuntamento che Ronaldo e compagni non vogliono, anzi possono, fallire. La coppa dalle grandi orecchie è diventata...

FERNANDO TORRES LASCIA IL CALCIO: È GIUNTO IL "CANTO DEL NIÑO"

Fernando Torres lascia il calcio: è giunto il "canto del Niño"Fernando Torres si ritira dal calcio giocato lasciandosi alle spalle tanti gol, prestigiosi trofei ma soprattutto le lacrime di chi l'ha amato sempre, sia nei momenti migliori che in quelli peggiori.