eurochampions.it
Domenica 26 Gennaio 2020                     
Ma perché Mbappé costa così tanto?

Ma perché Mbappé costa così tanto?

© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture

Il Real Madrid guarda ancora verso il PSG e nel suo mirino c'è Kylian Mbappé. I Blancos avrebbero già l'accordo per l'attaccante francese: 35 milioni annui più 5 di bonus e altri 225 al club francese, con 50 ulteriori variabili. Tantissimi soldi per strappare quello che a detta di molti sarà il futuro pallone d'oro ed erede di Messi e Ronaldo.

Da qualche anno ormai il mercato è drogato, si viaggia su cifre impensabili una decina fa. Riavvolgiamo il nastro e torniamo ad una delle campagne acquisti più dispendiose che io conoosca, quando il Real in un solo colpo decise di acquistare Ronaldo, Benzema e Kakà: CR7 venne pagato meno di cento milioni dal Real, Kakà circa 60, Benzema 30. Oggi anche il Barella di turno, un buon giocatore ma al momento nulla di più, ne costa 45. Folle, assurdo. Eppure oggi i prezzi sono questi.

Davvero il francese può valere così tanto? Che Mbappè sia un potenziale fenomeno è chiaro almeno da un paio d'anni. Parlano i numeri: nessuno, alla sua età, ha vinto tanto quanto lui. Ha qualità straordinarie, una velocità impressionante, una facilità di tiro che stupisce, un potenziale fisico e tecnico davvero unico.

Ma non pensate che lo strapaghino solo per questo. Il calcio è cambiato, lasciamoci alle spalle gli anni passati. Perché? Mbappé fa vendere magliette, porta visibilità, milioni di followers e questo spesso, in una valutazione complessiva è spesso più importante delle prestazioni. Si paga l'immagine ancora prima che i gol. Certi giocatori costano tanto perché sono quelli più in vista. Utili per far crescere il marchio, ancora prima che utili in campo.

Forte è forte, ma il prezzo dipende anche da altro, credetemi.


Altre notizie - Calciomercato
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

UN'IMPRESA STORICA

Non c'è altro modo per parlare dell'Atalanta che stasera ha abbattuto lo Shakhtar Donetsk a Kharkiv. Una impresa che resterà nella storia, perché alla prima partecipazione i nerazzurri riescono, dopo tre partite perse, a passare un girone che sembrava...

RIPARTIRE DA MILIK. A NAPOLI DOPO GENK IDEE PIÙ CHIARE (ANCHE SUL RINNOVO)

Ripartire da Milik. A Napoli dopo Genk idee più chiare (anche sul rinnovo)E sono otto. Cinque in campionato, i primi tre in Champions League. Milik è tornato dopo oltre un mese ha fatto capire perché, senza di lui, il Napoli nelle ultime partite ha faticato così tanto in zona gol. Contro...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.