eurochampions.it
Domenica 15 Settembre 2019                     
In Europa è ancora una volta <i>crisi Italia</i>

In Europa è ancora una volta crisi Italia

© foto di Insidefoto/Image Sport
 di redazione Eurochampions   Vedi letture
Fonte: di Marco Conterio

Certe serate, certi turni d'Europa, servono a guardarsi dentro. L'Inghilterra fino a qualche anno fa sembrava pronta a una nuova crisi, con le grandi che nelle Coppe stentavano. Quest'anno rischiamo una doppia finale tutta britannica, se il campo lo vorrà: Liverpool-Tottenham e Arsenal-Chelsea. Dal divano, l'Italia assisterà affascinata ma rammaricata. Triste. E la luce in fondo al tunnel è sempre una, una soltanto. I giovani. Roberto Mancini prova a indicare la via, pure a forzarla: Nicolò Zaniolo, poi Moise Kean. Il talento merita un premio, ecco la semplice ma vera filosofia del commissario tecnico azzurro. Ma in Serie A, è davvero così? Tuttomercatoweb.com ha stilato di recente la classifica dei migliori cento giovani d'Italia nati dopo il 1 gennaio del 1998. Per dire: Kylian Mbappé e Houssem Aouar sono di quell'anno. Matthijs de Ligt e Kai Havertz del 1999. Jadon Sancho del 2000. Giusto per citarne alcuni, s'intende: nei migliori italiani ci sono Gianluigi Donnarumma, che è titolare nel Milan, e Nicolò Zaniolo, che lo è della Roma. Nella top five, poi: Moise Kean, considerato imberbe per una maglia nella Juventus. Patrick Cutrone, riserva di Krysztof Piatek in rossonero. Ma questo può starci, se ragioniamo di big. Il problema è dal quinto posto in poi: Manuel Locatelli gioca e non gioca nel Sassuolo. Alessandro Bastoni ha perso il posto nel Parma, Andrea Pinamonti sgomita per quello nel Frosinone e Claud Adjapong per uno nel Sassuolo. Della top ten italiana, solo Sandro Tonali e Luca Pellegrini sono titolari, uno nel Brescia e l'altro nel Cagliari ma da gennaio dopo tanto settore giovanile. Il punto sta tutto qui. Nelle occasioni, nel minutaggio. Nelle possibilità. L'Italia non ne concede e se l'Ajax è modello sin troppo estremo, c'è da riflettere quando si vedono i nomi di questi ragazzi. Possibile che Pellegrini non meritasse spazio, nella Roma? Tonali gioca ancora a Brescia perché costa troppo, per le richieste di Cellino, e perché in A non hanno il coraggio di dargli subito una maglia da titolare. E questi sono solo i migliori dieci, dopo ci sono ragazzi di grandissime speranze ma giocano tutti o quasi nelle categorie inferiori o in Primavera. Certe serate d'Europa facciano riflettere. Anche su questo.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

QUALE SQUADRA STA FACENDO IL MERCATO MIGLIORE?
  Juventus
  Real. Madrid
  Barcellona
  Manchester City
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Psg
  Tottenham
  Liverpool
  Inter
  Napoli

DIFFICILE PER LE BIG STECCARE CON QUESTO SORTEGGIO, TRA LE ITALIANE L'ATALANTA SE LA PUÒ GIOCARE

Difficile per le big steccare con questo sorteggio, tra le italiane l'Atalanta se la può giocareFinito in queste ore il sorteggio dei gironi di Champions League e c'è da dire che forse mai questo mai come quest'anno la divisione in fasce ha creato dei raggruppamenti dove le big difficilmente potranno steccare,...

UCLDRAW, VAN DIJK È L'UEFA MEN'S PLAYER. BATTUTI MESSI E CR7

UCLdraw, Van Dijk è l'UEFA Men's Player. Battuti Messi e CR7Virgil Van Dijk vince il premio UEFA Men's Player of the Year. L'assegnazione del trofeo arriva a margine del sorteggio dei gironi di Champions, con Van Dijk che ha avuto la meglio sugli altri finalisti Leo Messi e Cristiano...

ESCLUSIVA EC - AMETRANO: "LA MIA JUVE ERA LA SQUADRA PIÙ FORTE DEL MONDO. LIPPI TI FACEVA DARE QUALCOSA IN PIÙ IN CAMPO. LA SFIDA CON L'AJAX? PASSERANNO I BIANCONERI"

ESCLUSIVA EC - Ametrano: "La mia Juve era la squadra più forte del mondo. Lippi ti faceva dare qualcosa in più in campo. La sfida con l'Ajax? Passeranno i bianconeri"Oggi è il giorno di Juve-Ajax, la decisiva sfida che vale un posto in semifinale di Champions League. Un appuntamento che Ronaldo e compagni non vogliono, anzi possono, fallire. La coppa dalle grandi orecchie è diventata...

FERNANDO TORRES LASCIA IL CALCIO: È GIUNTO IL "CANTO DEL NIÑO"

Fernando Torres lascia il calcio: è giunto il "canto del Niño"Fernando Torres si ritira dal calcio giocato lasciandosi alle spalle tanti gol, prestigiosi trofei ma soprattutto le lacrime di chi l'ha amato sempre, sia nei momenti migliori che in quelli peggiori.