eurochampions.it
Domenica 15 Settembre 2019                     
No, non può esistere un calcio senza San Siro

No, non può esistere un calcio senza San Siro

 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture

E' possibile un mondo del calcio senza San Siro? Evidentemente sì. Il Meazza, uno degli stadi più belli ed affascinanti di tutto il mondo, rischia di scomparire per sempre, cancellato per far spazio ad un nuovo avveniristico impianto fatto d'acciaio, cemento e vetro. L'ultimo pezzo di quel calcio romantico che non c'è più, di quel calcio schiacciato dal peso delle pay-tv, del football spezzatino, delle piattaforme digitali, delle partite in Arabia o in Cina, tra qualche anno non sarà altro che un ricordo. 

Ci resteranno solo e soltanto i ricordi, la memoria di quelle grandi emozioni che la Scala del calcio (e chi ci ha giocato dentro) ha saputo regalarci. Dal 1926 ad oggi, 93 anni di passione incrollabile, di epiche notti, di storie che sopravvivranno per sempre, di tifosi festosi, di lacrime di gioia e di dolore.

Vincono ancora una volta i soldi, l'unica fattore determinante del calcio d'oggi. Ciò che importa è che l'impianto faccia utili, che crei denaro in grado di continuare ad alimentare il sistema. Null'altro. Inter e Milan, in cerca di soluzioni per colmare il gap con le superpotenze europee, sono giunti, purtroppo, a questa conclusione: abbandonare San Siro, teatro di vittorie e imprese leggendarie per ambo le parti, per trasferirsi in una nuova casa con tanto di ristoranti, bar, musei, comodità, palchi extralusso, maxischermi ovunque, shopping center e via dicendo. Le cose che servono oggi, perché ciò che conta è che si consumi, il calcio è solo un viatico.

E' questa la scelta più logica, economica e tempestiva. Perché costruire uno stadio da zero, una struttura più contenuta da 60mila posti, costa decisamente meno che risistemare il caro vecchio Meazza. Perché in tre anni il nuovo stadio sarebbe una realtà mentre una ristrutturazione dell'attuale impianto potrebbe rimanere per molto tempo bloccata nei meandri oscuri della burocrazia italiana, burocrazia che già in passato ha già ucciso ogni progetto a riguardo. 

Ne perde Milano, che si vedrà privata di quello che a tutti gli effetti è un monumento simbolo della città, ne perde il calcio italiano che dovrà dire addio a quella che è la sua storia, ne perdiamo tutti noi tifosi che ogni volta che saliamo le gradinate di San Siro sentiamo sempre quel brivido scorrerci in corpo.  È come se qualcuno volesse abbattere il Duomo o il Pantheon per rifarli più funzionali e moderni. Una follia. Per questo motivo anche soltanto pensare di abbattere San Siro è un insulto alla storia e alla cultura popolare. San Siro non è solo la Scala del Calcio, è Milano.

Qualcuno ha detto che Wembley o Highbury sono stati demoliti e e poi ricostruiti. E' vero, è accaduto proprio così, ma siamo sicuri sia stata la mossa giusta? No, non ne sono convinto. Trasformare, come è successo con il vecchio stadio dell'Arsenal, la storia in un complesso di appartamenti e centri commerciali è un crimine, una speculazione che con il calcio non ha nulla a che vedere.

In pochi giorni, non solo a Milano ma in tutta Italia, si è costituito un compatto fronte del no, un fronte composto da chi non vuole arrendersi a questo scempio. Rivera ha fatta subito capire che il Milan non può avere altra casa al di fuori di San Siro, l'ex presidente dell'Inter Moratti s'è detto inorridito abbattuto, lo stesso ha fatto Mazzola. Perfino al di fuori del calcio, nella politica, nel giornalismo, tutti sembrano volersi schierare in difesa del Meazza. Ora la parola passa a chi amministra la città, al sindaco Sala che ha subito fatto capire di non gradire moltissimo questa operazione. Ecco, forse la sua intercessione potrebbe rappresentare la salvezza, potrebbe far ragionare le due proprietà, cinese e americana.

San Siro resterà per tutti noi sempre San Siro e nulla potrà mai sostituirlo. Quel monumento deve restare al suo posto, in tutto il suo splendore. Abbatterlo? No, mai!


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

QUALE SQUADRA STA FACENDO IL MERCATO MIGLIORE?
  Juventus
  Real. Madrid
  Barcellona
  Manchester City
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Psg
  Tottenham
  Liverpool
  Inter
  Napoli

DIFFICILE PER LE BIG STECCARE CON QUESTO SORTEGGIO, TRA LE ITALIANE L'ATALANTA SE LA PUÒ GIOCARE

Difficile per le big steccare con questo sorteggio, tra le italiane l'Atalanta se la può giocareFinito in queste ore il sorteggio dei gironi di Champions League e c'è da dire che forse mai questo mai come quest'anno la divisione in fasce ha creato dei raggruppamenti dove le big difficilmente potranno steccare,...

UCLDRAW, VAN DIJK È L'UEFA MEN'S PLAYER. BATTUTI MESSI E CR7

UCLdraw, Van Dijk è l'UEFA Men's Player. Battuti Messi e CR7Virgil Van Dijk vince il premio UEFA Men's Player of the Year. L'assegnazione del trofeo arriva a margine del sorteggio dei gironi di Champions, con Van Dijk che ha avuto la meglio sugli altri finalisti Leo Messi e Cristiano...

ESCLUSIVA EC - AMETRANO: "LA MIA JUVE ERA LA SQUADRA PIÙ FORTE DEL MONDO. LIPPI TI FACEVA DARE QUALCOSA IN PIÙ IN CAMPO. LA SFIDA CON L'AJAX? PASSERANNO I BIANCONERI"

ESCLUSIVA EC - Ametrano: "La mia Juve era la squadra più forte del mondo. Lippi ti faceva dare qualcosa in più in campo. La sfida con l'Ajax? Passeranno i bianconeri"Oggi è il giorno di Juve-Ajax, la decisiva sfida che vale un posto in semifinale di Champions League. Un appuntamento che Ronaldo e compagni non vogliono, anzi possono, fallire. La coppa dalle grandi orecchie è diventata...

FERNANDO TORRES LASCIA IL CALCIO: È GIUNTO IL "CANTO DEL NIÑO"

Fernando Torres lascia il calcio: è giunto il "canto del Niño"Fernando Torres si ritira dal calcio giocato lasciandosi alle spalle tanti gol, prestigiosi trofei ma soprattutto le lacrime di chi l'ha amato sempre, sia nei momenti migliori che in quelli peggiori.