eurochampions.it
Martedì 7 Aprile 2020                     
Europa League, cosa è mancato al Napoli

Europa League, cosa è mancato al Napoli

All'Arsenal sono bastate due prestazioni normali per prevalere nettamente contro una squadra molto meno lucida rispetto alla prima metà di stagione: perchè?
 di Gianluigi Sottile   Vedi letture

Al minuto 72 della sfida d’andata dei quarti di Europa League fra Arsenal e Napoli, Callejòn trova un buon corridoio in profondità per Insigne, che lascia sfilare il pallone sulla destra e trova di prima intenzione un cross rasoterra per Zielinski, il quale però da posizione favorevolissima tenta un’improbabile conclusione d’esterno destro, con la palla che termina a lato. I partenopei perderanno per 2-0 all’Emirates e poi 0-1 al San Paolo, senza mai dare l’impressione di essere in grado di mettere in difficoltà i Gunners.

Può sembrare un po’ strano analizzare una gara di ritorno partendo dall’andata, ma chi scrive ha scelto l’errore di Zielinski come simbolo di tutto ciò che è stato il Napoli in 180 minuti: una marea di errori tecnici o di lettura, grossolani o nei dettagli, che sommati l’uno con l’altro hanno generato una distanza praticamente incolmabile con l’avversario. L’Arsenal ha certamente fatto meglio dei ragazzi di Ancelotti sul piano del gioco, ma la sconfitta non si può giustificare guardando solo le difficoltà degli azzurri a leggere la posizione di Ramsey fra le linee o a scardinare la linea difensiva a cinque di Emery. Soprattutto in attacco, è mancata la sensazione di pericolosità che aveva contraddistinto i partenopei in Europa nella prima parte della stagione: Callejòn, Fabiàn Ruiz, Zielinski, Milik, Insigne: 16 tiri tentati soltanto ieri sera da cinque dei giocatori più di classe del Napoli, per un totale di zero gol. Senza il rendimento dei grandi giocatori non si può andare avanti.

L’anno prossimo probabilmente Ancelotti dovrà chiedere un salto di qualità ai suoi migliori giocatori, magari contando in un momento di maggiore brillantezza generale. Meret ha tradito sulla punizione di Lacazette, ma nei 180 minuti è stato comunque decisamente il migliore dei suoi e gli si possono imputare ben poche colpe. Allan e Fabiàn sono apparsi in difficoltà comunque nel reggere l’intensità di gioco degli avversari, più a Londra che a Napoli. Milik ha sbagliato sottoporta nell’ennesima gara importante e per il polacco il rendere meno nei big match sta diventando una pericolosa abitudine. Insigne infine ha certamente dato il massimo, ma non è stato efficace nel complesso, non riuscendo a salire in cattedra – come si chiede di fare ai capitani, quando il gioco si fa duro.


Altre notizie - Europa League
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

FINO A QUANDO LA UEFA POTRÀ IGNORARE L'EMERGENZA CORONAVIRUS?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir...

MARTEDÌ LA UEFA ANNUNCERÀ LO SLITTAMENTO DI EURO 2020. ORA IL DUBBIO DELLE FEDERAZIONI È UN ALTRO: SI RIUSCIRÀ A COMPLETARE LA STAGIONE ENTRO IL 30 GIUGNO?

Martedì la UEFA annuncerà lo slittamento di Euro 2020. Ora il dubbio delle Federazioni è un altro: si riuscirà a completare la stagione entro il 30 giugno?Resta a casa anche il mondo del calcio. Tutti hanno chiuso i battenti seguendo più o meno la stessa trafila: prima ignoro il problema, poi lo sottovaluto, poi cerco di mandare avanti lo spettacolo finché è...

IL PRESIDENTE DEL GETAFE: "IL GOVERNO HA DETTO CHE NON SI PUÒ VIAGGIARE, NON LO FAREMO"

Il presidente del Getafe: "Il Governo ha detto che non si può viaggiare, non lo faremo"“Non viaggeremo, non andremo a Milano. Prima di tutto la salute. Questa partita domani non la giocheremo”. Così il presidente del Getafe, Angel Torres in vista della partita di domani contro l’Inter. “Il...

2 APRILE 1995, DAVID BECKHAM FA IL SUO ESORDIO IN PREMIER LEAGUE

2 aprile 1995, David Beckham fa il suo esordio in Premier LeagueIl 2 aprile 1995 David Beckham esordisce in Premier League con il Manchester United, nella partita all'Old Trafford contro il Leeds (0-0). Era la stagione in cui il Manchester stava lottando con il Blackburn per la conquista del titolo....