eurochampions.it
Domenica 8 Dicembre 2019                     
26 anni fa l'esordio in Serie A di Francesco Totti: un giocatore unico e inimitabile

26 anni fa l'esordio in Serie A di Francesco Totti: un giocatore unico e inimitabile

© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
26 anni fa esordiva in Serie A Francesco Totti. Non fu un semplice giocatore della Roma, ne fu la bandiera, il Capitano e il simbolo per ben 24 anni. Totti ha segnato un'epoca della storia del club.
 di Andrea Lizzano   Vedi letture

Il 28 marzo 1993 Francesco Totti esordì in Serie A. Mancavano tre minuti alla fine di Brescia-Roma, quando l'allora allenatore dei giallorossi Vujadin Boškov decise di buttare nella mischia un giovane della primavera, appena aggregato alla prima squadra. Totti entrò al posto di Ruggiero Rizzitelli e fece in tempo a toccare un solo pallone che portò verso la bandierina per perdere tempo. Proprio per questo l'esordio del giovane, sconosciuto ai più, passò inosservato.

 

Il debutto da titolare avvenne il 15 dicembre 1993 in Coppa Italia contro la Sampdoria, sotto la gestione di Carlo Mazzone. Il tecnico romano vide immediatamente in Totti un enorme potenziale ed ebbe un ruolo fondamentale nella crescita del giovane talento, proteggendolo da facili entusiasmi e dalle feroci critiche dei giornalisti. Nella stagione 1994/95 siglò il suo primo gol in Serie A contro il Foggia. Totti continuò ad incrementare il suo minutaggio fino a diventare un titolare in pianta stabile. Nel 1996 Mazzone lascia la Roma e al suo posto subentra l'argentino Carlos Bianchi. Il rapporto tra quest'ultimo e Totti fu pessimo, tanto che Er Pupone rischiò di andarsene dai giallorossi. Durante la stagione Bianchi venne esonerato e per l'anno seguente la Roma ingaggia Zdeněk Zeman. Con il boemo si concluse il periodo di crisi e Totti potè esprimere nuovamente la sua classe cristallina in campo. Zeman riuscì a sfruttare al meglio le sue caratteristiche e gli trovò la posizione perfetta nei suoi schemi di gioco. Totti migliorò così molto anche dal punto di vista fisico e tattico. Nel 1998, a 22 anni, divenne il nuovo capitano della Roma. Nella stagione 2000/2001 vinse da protagonista lo scudetto, dopo un lungo testa a testa con la Juventus. L'annata successiva esordì in Champions League e vinse la Supercoppa Italiana.

 

A livello di nazionale rimane ben impresso il nome di Totti soprattutto per ciò che fece nel 2006. Fu infatti uno degli eroi di quell'estate tedesca, quando gli azzurri riuscirono a conquistare la Coppa del Mondo. Indimenticabile è il suo sguardo prima di calciare il rigore decisivo contro l'Australia, che sancì il passaggio ai quarti di finale. Ma la strada per arrivare a questo torneo non fu facile. Il 19 febbraio 2006, a soli quattro mesi dal Mondiale, si ruppe il perone a causa di un brutto intervento del giocatore dell'Empoli Richiard Vanigli. Fu una vera e propria corsa contro il tempo per recuperare dal grave infortunio, dove, però, ebbe sempre il supporto del commissario tecnico Marcello Lippi, che non poteva fare a meno di un giocatore così fondamentale.

 

Nell'ambito della Champions League Totti ha il record di gol più anziano da quando la competizione possiede tale nome. Lo infranse il 30 settembre 2014 quando segnò un gol di pregevole fattura contro il Manchester City, all'età di 38 anni e 3 giorni, battendo in questa speciale graduatoria Ryan Giggs, a segno a 37 anni e 9 mesi. Il 25 novembre seguente migliorò ulteriormente il record di marcatore più anziano della competizione grazie ad una rete su punizione realizzata contro CSKA Mosca, all'età di 38 anni e 59 giorni. L'8 marzo 2016 gioca la sua ultima partita di Champions al Bernabeu contro il Real Madrid, che al momento della sua uscita dal campo gli tributa una grandiosa standing ovation.

 

Il 28 maggio 2017 è il giorno del suo addio al calcio giocato. Al triplice fischio lo stadio scoppia in un pianto triste e malinconico. L'eroe e il simbolo degli ultimi 24 anni di storia del club era giunto al suo canto del cigno. Fu un giorno triste per tutti coloro che amano questo sport, quando Totti dopo un discorso molto difficile, a causa della tanta commozione, lasciò per l'ultima volta il prato dell'Olimpico da giocatore della sua cara Roma.


Altre notizie - Storia
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

PAULO DYBALA E UNA SERATA DA DIEGO

Paulo Dybala e una serata da DiegoAl ventesimo minuto di Juventus contro Atletico Madrid, i sedili dell'Allianz Stadium di Torino hanno tremato. Sbattuti contro gli schienali, anche il più comodo dei tifosi è saltato sugli stivali. Un lancio lungo, un...

IL LILLA IN CHAMPIONS NON RIESCE PIÙ A VINCERE

Il Lilla in Champions non riesce più a vincere20 novembre 2012. Bisogna andare ben 7 anni indietro per trovare l'ultimo successo del Lilla nella UEFA Champions League. Quella volta a cadere fu il BATE Borisov, in Bielorussia tra l'altro. Si va addirittura ad 11 anni fa per...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.