eurochampions.it
Lunedì 08 marzo 2021                     
TMW Radio

"From-zero-to-hero", il viaggio di Serge Gnabry

 di Francesco Paissan   Vedi letture

Smarrirsi per poi ritrovarsi, scomparire in Inghilterra per riapparire più forte in Germania. Il viaggio di Serge Gnabry lo ha già visto percorrere delle tappe decisive nella sua carriera, nonostante la carta di identità rimanga quella di un ragazzo del 1995. I quattro gol realizzati contro il Tottenham gli restituiscono quelle luci della ribalta che gli infortuni e le incomprensioni con un allenatore di Premier gli avevano tolto qualche anno fa. Sì, perché Gnabry sembrava essere destinato a diventare l’erede tecnico di un certo tipo di giocatori che, negli anni passati, avevano fatto la fortuna di Arsene Wenger all’Arsenal. Giocatore d’attacco rapido e tecnicamente capace, sulla scia di Theo Walcott e di Oxlade-Chamberlain, Gnabry accarezzò per più di qualche partita la possibilità di diventare un “Gunner” a tempo pieno.

Proprio in Champions Gnabry subì un primo, prolungato stop, complice un ginocchio che continuava a far male. Uno stop breve si trasformò in una assenza annuale e nel 2015, una volta ritrovata una forma accettabile, l’Arsenal lo girò in prestito al West Bromwich Albion, sotto la direzione di Tony Pulis. Semplicemente inadatto, questo fu il pensiero espresso da Pulis riguardo al giovane attaccante tedesco e alle sue possibilità riguardo a un impiego in Premier. Divenne chiaro come di spazio, in Inghilterra, non ce ne fosse per lui in quel momento, così la decisione di giocare in Germania fu quella ritenuta più logica e migliore per favorire la crescita di un giocatore che, semplicemente, aveva smesso di giocare in partite ufficiali. Passò al Werder Brema nel 2016 per soli 5 milioni e, 27 partite e 11 gol dopo, a chiamarlo fu proprio il Bayern Monaco che lo mandò a scuola da Nagelsmann, in quell’Hoffenheim che conquistò il gradino più basso del podio in Bundesliga nel 2017/18 e un posto in Champions League nella successiva stagione. La stagione del ragazzo di Stoccarda gli fece guadagnare un posto tra i bavaresi, dove ha conquistato gara dopo gara la fiducia dei compagni e dell’ambiente. Ieri sera è riuscito a rubare la scena a Lewandowski, cosa non esattamente banale, specie contro la squadra finalista della passata stagione in Champions. Si è ritrovato per davvero Gnabry e ora non gli resta che continuare a brillare.


Altre notizie - Approfondimenti
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

IL LUMICINO DELLA SPERANZA. COME SEMPRE BISOGNERÀ PERÒ LOTTARE CONTRO TUTTO E TUTTI.

Il lumicino della speranza. Come sempre bisognerà però lottare contro tutto e tutti.Una vittoria contro la Lazio che per come è arrivata vale doppio. Fondamentale è stata la reazione della squadra, dopo i primi venti minuti di assenza totale di tutti gli undici bianconeri in campo. Dopo lo svantaggio, gli...

BAYERN MONACO, MÜLLER POSITIVO AL CORONAVIRUS

Bayern Monaco, Müller positivo al CoronavirusSalterà la finale del Mondiale per Club

INTER: VIA CONTE, ARRIVA ALLEGRI

Inter: via Conte, arriva AllegriSembra finita qui la storia tra Antonio Conte e l' Inter. Da indiscrezioni infatti sembrerebbe ormai certo l'addio del tecnico , con una buonuscita di 7 milioni. Conte starebbe cosi un anno fermo per poi riapprodare in nazionale al...

VERSO UN CALCIO PIÙ GLOBALE,INFANTINO ANNUNCIA UNA RIVOLUZIONE.

Verso un calcio più globale,Infantino annuncia una rivoluzione. Se ne parla da anni, ma adesso sembrano esserci idee più concrete per quanto riguarda una rielaborazione delle coppe internazionali sia per club che per nazionali. Gianni Infantino,attuale presidente FIFA, in occasione...