Un derby della Ruhr diverso dal solito quello che ci appestiamo a vivere e non solo per l’assenza del pubblico. Lo Schalke, infatti, è in una situazione di classifica disperata: ultimo posto, meno nove dalla salvezza, una sola vittoria, peggior attacco (quindici gol) e peggior difesa (cinquantadue reti) del torneo. I Knappen si troveranno di fronte un Borussia Dortmund in ritardo rispetto alle ambizioni di inizio stagione e con l’obbligo di vincere per non perdere ulteriore contatto dal quarto posto, obiettivo da ottenere a tutti i costi.

Schalke, un tunnel senza fine

Il successo con l’Hoffenheim, che ha permesso di evitare di eguagliare il drammatico record del Tasmania Berlino, rischia di essere l’unica soddisfazione all’interno di una stagione da incubo. Lo Schalke, infatti, si avvicina sempre di più alla retrocessione e non sembra esserci possibilità per evitare questo triste verdetto. Il derby dela Ruhr contro gli eterni rivali del Dortmund rischia di essere l’ultima possibilità per provare a compiere un vero e proprio miracolo; vincere darebbe quella spinta, soprattutto emotiva, necessaria per provare a recuperare i nove punti di distanza dal sedicesimo posto, utile per lo spareggio. La speranza, però, si scontra con la dura realtà del campo dove i ragazzi di Gross faticano a proporre un’idea che possa essere vincente; la sensazione è che da qui a fine anno si assisterà ad un declino continuo.

Un solo successo nelle ultime cinque di Bundesliga e meno sei dal quarto posto; il Borussia Dortmund non può permettersi di restare fuori dalla Champions e, proprio per questo, deve obbligatoriamente uscire dalla Veltins Arena con i tre punti. L’obiettivo è cavalcare l’onda della sfida con il Siviglia dove si è vista una squadra forte in grado di esprimere tutto il proprio potenziale; il problema è che il BVB non ha mai avuto la giusta continuità. Obbligatorio trovarla se si vuole arrivare tra le prime quattro.

Sezione: Bundesliga / Data: Ven 19 febbraio 2021 alle 20:57 / Fonte: Footbola
Autore: Emanuele Morabito
Vedi letture
Print