eurochampions.it
Mercoledì 27 maggio 2020                     
Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?

© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
 di Redazione Eurochampions   Vedi letture

Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir a 200 all'ora - e ad andare avanti come se nulla fosse. Poi abbiamo provato a trovare un compromesso, abbiamo invocato le porte chiuse. E alla fine, ma solo alla fine, ci siamo arresi. Chiudendo tutto, sospendendo qualsiasi competizione. 

Ma proprio perché l'Italia, purtroppo prima degli altri, s'è trovata al centro dell'emergenza Coronavirus perché non prendere esempio? Perché non sfruttare l'esempio italiano per evitare di commettere gli stessi errori?
La domanda dovrebbe avere risposta scontata. Ma scontata la risposta non sembra esserlo perché la UEFA, negli ultimi giorni, s'è semplicemente voltata dall'altra parte. Chiudendo le porte degli stadi che si trovavano nelle località in cui i vari Governi hanno imposto questa misura e cercando di portare avanti lo spettacolo. Ma il motto the show must go on non vale. Non questa volta.
E quindi, se non ci pensa la UEFA, ecco le prese di posizione dei singoli club, che giustamente hanno nella salute dei propri tesserati la loro priorità. "Perché dovrei andare a Milano in questo momento?", ha detto il presidente del Getafe Angel Torres. Ha annunciato che il club spagnolo non prenderà parte domani all'andata degli ottavi di finale di Europa League. "Poi - ha detto - la UEFA prenda la sua decisione...". 

Discorso diverso quello della Roma, che per Siviglia sarebbe pure partita ma non ha ricevuto l'autorizzazione dal Governo spagnolo che ha bloccato tutti i voli da e per l'Italia. "Non partiremo per Siviglia, presto la UEFA fornirà ulteriori indicazioni", ha fatto sapere il club giallorosso che ha giustamente scaricato responsabilità e motivazioni sull'organo di controllo del calcio europeo. Che ora può fare solo una cosa: sospendere le competizioni. Come ha fatto l'Italia, come stanno facendo molti altri paesi. Non è più il momento di voltarsi dall'altra parte e non è certo questo il calcio che vogliamo.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

FINO A QUANDO LA UEFA POTRÀ IGNORARE L'EMERGENZA CORONAVIRUS?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir...

JUPILER PRO LEAGUE PIONIERISTICA AI TEMPI DEL VIRUS. MA LA STRADA BELGA È COMPLESSA PER L'ITALIA

Jupiler Pro League pionieristica ai tempi del virus. Ma la strada belga è complessa per l'ItaliaNel pomeriggio ha fatto scalpore la decisione della Federazione belga. E in fondo non potrebbe essere altrimenti, visti i tempi e le modalità di discussione proprie del nostro calcio. “Avviso della Jupiler Pro League....

IL PRESIDENTE DEL GETAFE: "IL GOVERNO HA DETTO CHE NON SI PUÒ VIAGGIARE, NON LO FAREMO"

Il presidente del Getafe: "Il Governo ha detto che non si può viaggiare, non lo faremo"“Non viaggeremo, non andremo a Milano. Prima di tutto la salute. Questa partita domani non la giocheremo”. Così il presidente del Getafe, Angel Torres in vista della partita di domani contro l’Inter. “Il...

I PRIMI 50 ANNI DEL CHOLO: DALL'ESORDIO IN A AL PISA A LEGGENDA ALL'ATLÉTICO

I primi 50 anni del Cholo: dall'esordio in A al Pisa a leggenda all'AtléticoDiego Simeone compie oggi 50 anni. Il Cholo è diventato in questi anni il tecnico più vincente della storia dell'Atlético Madrid, portando a casa uno storico campionato nel 2013-14, in un'era dove...