eurochampions.it
Sabato 05 dicembre 2020                     
Juve: dall’Ucraina con furore, a Torino con poco ardore.

Juve: dall’Ucraina con furore, a Torino con poco ardore.

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 di Salvo Campana   Vedi letture

E’ stata una settimana ricca di emozioni. Dai 3 punti di Kiev in Champions con un’ottima prestazione, al terzo pareggio consecutivo in campionato.  Erano 32 anni che il Verona non faceva punti a Torino. Primo tempo con poco ardore, anche se le occasioni la squadra bianconera le ha create. Con Bernardeschi fuori dal gioco (goal del Verona per un suo ennesimo errore), non si può lasciare in campo anche ad inizio ripresa e sostituirlo subito dopo il goal dei veronesi. Bisogna avere il coraggio di sostituire un giocatore mai entrato in partita, anche ad inizio del secondo tempo. In passato, tante volte è stato ciriticato Allegri per tali scelte e per aver sostituito tardivamente qualche giocatore. Credo che se Pirlo avesse anticipato la sostituzione di Bernardeschi, forse la vittoria sarebbe arrivata, data la veemenza agonistitca e tecnica di Kulusevski che sembrava in serata dopo il suo ingresso. Se poi ci mettiamo oltre alla sfortuna, l’ennesimo arbitraggio scandaloso, e la prestazione di una squadra (il Verona) che sembrava il Liverpool (e che sicuramente lascerà punti su punti dalle prossime gare, così come ha giocato precedentemente il Crotone contro la squadra di Pirlo), il pareggio parla chiaro. Tali considerazioni, non devono essere ovviamente delle attenuanti per una squadra, come quella bianconera, che è stata sempre abituata a giocare e lottare contro tutto e tutti, in situazioni pressochè normali. In tanti sono concentrati su quale formazione adotterà Pirlo quando rientrerà Ronaldo. Chi resterà fuori? Ma nessuno capisce che, con tante gare da giocare, è quasi fisiologico che in ogni gara qualcuno resti fuori per rifiatare. L’abbondanza non ha mai creato problemi. Sicuramente, nel gioco che ha in mente l’allenatore bianconero, sia Cuadrado e sia Danilo, sono indispensabili nel dare equilibrio alla squadra, soprattutto se stanno bene e sono fisicamente integri. Un punto in casa contro il Verona,  così come quello di Crotone, alla fine potranno essere decisivi per la classifica finale.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

LE “PICCOLE” FRENANO LA GRANDE. CONTRO IL BENEVENTO, SI CONSUMA LA FRAGILITÀ CARATTERIALE.

Le “piccole” frenano la grande. Contro il Benevento, si consuma la fragilità caratteriale. Non è una marcia scudetto per il momento quella della squadra bianconera.  5 pareggi, dove con Crotone, Verona e Benevento la squadra di Pirlo poteva e doveva assolutamente portare a casa il bottino pieno. Negli anni passati, i...

IL “SAN PAOLO” SARÀ DEDICATO AD DIEGO ARMANDO MARADONA

Il “San Paolo” sarà dedicato ad Diego Armando MaradonaLe parole della presidente della Commissione Toponomastica, Laura Bismuto.

INTER: VIA CONTE, ARRIVA ALLEGRI

Inter: via Conte, arriva AllegriSembra finita qui la storia tra Antonio Conte e l' Inter. Da indiscrezioni infatti sembrerebbe ormai certo l'addio del tecnico , con una buonuscita di 7 milioni. Conte starebbe cosi un anno fermo per poi riapprodare in nazionale al...

GERD MUELLER, EX ATTACCANTE DEL BAYERN E DELLA NAZIONALE, HA L'ALZHEIMER

Gerd Mueller, ex attaccante del Bayern e della nazionale, ha l'AlzheimerLa moglie Uschi ha voluto aggiornare i tifosi al riguardo dello stato di salute del marito al giornale tedesco Bild. È in casa di riposo e sta bene