eurochampions.it
Mercoledì 27 maggio 2020                     
L'Uefa pronta a valutare una squalifica ai danni di Simeone

L'Uefa pronta a valutare una squalifica ai danni di Simeone

Dopo il volgare gesto mostrato dopo il gol di Gimenez contro la Juventus, Simeone rischia una pesante squalifica. Il tecnico argentino sarebbe poi recidivo, non essendo nuovo a certi comportamenti
 di Francesco Paissan   Vedi letture

Nel bene e nel male quel gesto con cui Diego Simeone ha festeggiato il gol del vantaggio dell’Atletico Madrid nella gara contro la Juventus è diventato la fotografia della partita, il simbolo di una squadra che, per vincere, è anche in grado di superare certi limiti, talvolta nel proprio gioco, talvolta nel costume e nel modo. Di questo Simeone è sia artefice che vittima. Il tecnico argentino ha contribuito non poco a generare questo piccolo gioiello grezzo che è l’Atleti, diventando l’uomo alla guida del gruppo. L’animo caldo non l’ha mai nascosto ed è anche grazie a questo che è diventato un leader così trascinante. Trascinante sì, ma anche trascinato in certe situazioni dalle quali non esce sempre bene. Ne è un caso il gesto, già entrato nell’immaginario degli appassionati di calcio, degli “huevos”, che lo ha fatto entrare ancora di più nel cuore dei tifosi dell’Atletico e nel mito Colchonero ma che rischia di allontanarlo dal campo per le prossime partite di coppa. L’Uefa ha infatti dichiarato che, nei prossimi giorni, valuterà eventuali ripercussioni relative a quella che è a tutti gli effetti una infrazione della regolare condotta sportiva del gioco.

L’ultima finale di Europa League e l’ultima Supercoppa Europea Simeone le ha vissute in tribuna a causa di una squalifica che ora rischia di ripetersi e di essere dunque recidiva, aggravando perciò una eventuale sanzione. L’anno scorso sono state quattro le giornate di squalifica comminate al tecnico, alle quali si sono poi aggiunti 10mila euro di multa. Il suo posto venne preso dal “Mono” Burgos, altra figura mitica del mondo Colchonero oltre che viceallenatore della squadra. Burgos guidò i suoi alla conquista di due titoli europei, sotto la supervisione del Cholo dalla tribuna. Dovessero essere anche in questa circostanza quattro le giornate di stop inflitte a Simeone, il tecnico tornerebbe a sedersi in panchina solo per un eventuale gara di ritorno in semifinale ma su di lui, lo ricordiamo, pende la recidività. Il cuore caldo, in casi come quello di mercoledì sera, ha prevalso sulla mente fredda, consegnando a Simeone gioia e dolore, stati d’animo con i quali però il tecnico Colchonero sembra essere abituato a convivere. Verrebbe da pensare l’argentino come una vittima dei suoi stessi comportamenti fuori dalle righe eppure nelle due finali che l’Atletico ha vinto durante la passata stagione in panchina c’era Burgos. Ovviamente il gesto rimane una risposta di cattivo gusto, esagerata nel modo, al gol di Gimenez. In certi casi però la ragione della vittoria è più importante della ragione del “buon gusto”, o almeno questo è quanto Simeone deve aver pensato in quel momento.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

FINO A QUANDO LA UEFA POTRÀ IGNORARE L'EMERGENZA CORONAVIRUS?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir...

JUPILER PRO LEAGUE PIONIERISTICA AI TEMPI DEL VIRUS. MA LA STRADA BELGA È COMPLESSA PER L'ITALIA

Jupiler Pro League pionieristica ai tempi del virus. Ma la strada belga è complessa per l'ItaliaNel pomeriggio ha fatto scalpore la decisione della Federazione belga. E in fondo non potrebbe essere altrimenti, visti i tempi e le modalità di discussione proprie del nostro calcio. “Avviso della Jupiler Pro League....

IL PRESIDENTE DEL GETAFE: "IL GOVERNO HA DETTO CHE NON SI PUÒ VIAGGIARE, NON LO FAREMO"

Il presidente del Getafe: "Il Governo ha detto che non si può viaggiare, non lo faremo"“Non viaggeremo, non andremo a Milano. Prima di tutto la salute. Questa partita domani non la giocheremo”. Così il presidente del Getafe, Angel Torres in vista della partita di domani contro l’Inter. “Il...

I PRIMI 50 ANNI DEL CHOLO: DALL'ESORDIO IN A AL PISA A LEGGENDA ALL'ATLÉTICO

I primi 50 anni del Cholo: dall'esordio in A al Pisa a leggenda all'AtléticoDiego Simeone compie oggi 50 anni. Il Cholo è diventato in questi anni il tecnico più vincente della storia dell'Atlético Madrid, portando a casa uno storico campionato nel 2013-14, in un'era dove...