eurochampions.it
Lunedì 18 gennaio 2021                     
LGInteractive
Le “piccole” frenano la grande. Contro il Benevento, si consuma la fragilità caratteriale.

Le “piccole” frenano la grande. Contro il Benevento, si consuma la fragilità caratteriale.

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 di Salvo Campana   Vedi letture

Non è una marcia scudetto per il momento quella della squadra bianconera.  5 pareggi, dove con Crotone, Verona e Benevento la squadra di Pirlo poteva e doveva assolutamente portare a casa il bottino pieno. Negli anni passati, i bianconeri sono passati per lo scudetto vincendo sempre contro le piccole, per poi gestire o vincere anche gli scontri diretti. Questa stagione sarà particolare e sicuramente in salita. Contro il Cagliari, avevamo visto dei miglioramenti sia nei movimenti e sia nel gioco complessivo. Ma contro il Ferencavors in Champions e infine contro il Benevento, la squadra si è sgretolata nuovamente in una fragilità caratteriale abbastanza evidente. Contro la squadra campana, dopo essere passata in vantaggio, con un goal capolavoro del solito Morata, non ha saputo gestire e controllare la gara, ricadendo in errori di tenuta, determinazione e di concentrazione. Un goal davvero rocambolesco quello del pareggio. Le uscite lentissime nel gioco di Arthur, facevano di Rabiot l’unico che cercava di far cambiare passo alla squadra senza successo e anche lui con errori di impostazione. Se ci aggiungiamo la giornata no di Cuadrado che è l’unico fin adesso con Danilo a tirare il carro di una ciurma discontinua e priva di idee, sfalda la Juventus in un cantiere ancora aperto e ricco di incomprensioni. Troppi passaggi imprecisi con errori pacchiani. Nella ripresa non si può contare un solo tiro in porta di Dybala, con una supremazia sterile priva di conclusioni e appoggi. Il famoso gioco veloce dal centrocampo in poi si bloccava bruscamente e tale ricerca spasmodica della velocità a tutti i costi, poneva in sé un freno abbastanza visibile ad un parco giocatori che, se non si adatta alla circostanza dei movimenti voluti e studiati in allenamento, si arrendeva alla loro stessa fragilità caratteriale e con poca evidenza tecnica. Nemmeno i consapevoli attori della panchina, riuscivano a dare quella marcia in più ad una squadra in difficoltà, risucchiati dalla poca voglia di fare la Juve, senza grinta e con quella fragilità mentale che il gruppo si porta dietro dopo essere passati in vantaggio, lasciando poi il pallino del gioco in mano agli avversari. Queste sono correzioni da fare nell’immediato, perché adesso il campionato sta diventando davvero complicato e difficile. Sabato prossimo non ci sarà neanche Morata per il derby, espulso a fine gara dopo essere stato letteralmente massacrato dai difensori campani senza nessuna tutela dell’arbitro. Nessuno regala niente alla Juve, nemmeno a fine gara, dopo i continui e ripetuti falli sopportati dallo spagnolo per tutti i 96 minuti.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

UNA JUVE SENZA FAME E SENZA GRINTA. UNA DELLE PIÙ BRUTTE SCONFITTE DI QUESTI ANNI

Una Juve senza fame e senza grinta. Una delle più brutte sconfitte di questi anniCi sono voluti 1582 giorni per una sconfitta così netta della Juventus contro la squadra milanese. Quando il primo tiro in porta lo si effettua all’86 minuto con Chiesa, vuol dire che non ha funzionato niente. Nulla è...

TRAGEDIA IN FRANCIA, MUORE IN CAMPO CHRISTOPHER MABOULOU

Tragedia in Francia, muore in campo Christopher MaboulouIl giocatore è morto per un arresto cardiaco mentre era in campo

INTER: VIA CONTE, ARRIVA ALLEGRI

Inter: via Conte, arriva AllegriSembra finita qui la storia tra Antonio Conte e l' Inter. Da indiscrezioni infatti sembrerebbe ormai certo l'addio del tecnico , con una buonuscita di 7 milioni. Conte starebbe cosi un anno fermo per poi riapprodare in nazionale al...

VERSO UN CALCIO PIÙ GLOBALE,INFANTINO ANNUNCIA UNA RIVOLUZIONE.

Verso un calcio più globale,Infantino annuncia una rivoluzione. Se ne parla da anni, ma adesso sembrano esserci idee più concrete per quanto riguarda una rielaborazione delle coppe internazionali sia per club che per nazionali. Gianni Infantino,attuale presidente FIFA, in occasione...