eurochampions.it
Mercoledì 27 maggio 2020                     
Perché quella di Zidane è una scelta giusta

Perché quella di Zidane è una scelta giusta

© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture

Il Real riparte ancora una volta dalla sua storia. Ecco perché sulla panchina dei blancos ci sarà di nuovo Zidane e non Mourinho, uno che sì a Madrid c'è stato ma senza entrare a far parte della leggenda. Il francese al contrario è parte integrante del club, una colonna del passato, sia in campo che in panchina, del presente e del futuro. Per il portoghese invece, che da qualche settimana cullava l'idea di un ritorno, nient'altro che qualche colloquio preliminare.

Scelta giusta quella del francese? Sicuramente non ha sbagliato a lasciare da trionfatore assoluto quando ha capito che questa per il Real sarebbe stata un'annata durissima. Ora, fatto l'anno sabbatico, ritorna da salvatore della patria per dare avvio alla rifondazione, cosa che invece non sarebbe stata possibile la scorsa estate. Undici partite da qui alla fine e poi si darà il via a quella rivoluzione che Zizou avrebbe voluto subito dopo la terza Champions sollevata al cielo.

E' stato questo infatti l'unico vincolo richiesto a Florentino Perez, la possibilità, attraverso il mercato, di costruire una squadra in grado di iniziare un nuovo ciclo. Si preannuncia quindi una campagna faraonica, dove Eden Hazard sarà la perla più preziosa. Il belga, che Zidane vuole da anni, e non Neymar, sarà il vero erede di Cristiano Ronaldo. Il Real, ne siamo certi, sarà la regina del mercato, complicando anche i piani di chi era certo di strappare giocatori come Marcelo, Ramos, Isco e Bale a prezzi stracciati. Messi da parte da Solari i pretoriani di Zidane torneranno di certo ad essere dei perni centrali del progetto. 

A bocca asciutta restano ora tutte quelle squadre che in questi mesi avevano provato a strappare il sì di Zidane. Juve e Chelsea in primis. A Torino, per il post Allegri, si puntava più su di lui che su Guardiola. Il Pep, che si vocifera essere corteggiato dalla Vecchia Signora, diventerà ora la prima scelta? Difficile, anzi difficilissimo. Nel frattempo c'è Allegri, uno che sta sera davvero si gioca tutto il suo futuro. Anche per Max, come per Mou, si sono chiuse le porte del Real, meta che sarebbe stata la prediletta in caso di addio alla Juve. Si apriranno forse quelle del Chelsea, impossibilitato ad arrivare a Zizou. 


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

FINO A QUANDO LA UEFA POTRÀ IGNORARE L'EMERGENZA CORONAVIRUS?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir...

JUPILER PRO LEAGUE PIONIERISTICA AI TEMPI DEL VIRUS. MA LA STRADA BELGA È COMPLESSA PER L'ITALIA

Jupiler Pro League pionieristica ai tempi del virus. Ma la strada belga è complessa per l'ItaliaNel pomeriggio ha fatto scalpore la decisione della Federazione belga. E in fondo non potrebbe essere altrimenti, visti i tempi e le modalità di discussione proprie del nostro calcio. “Avviso della Jupiler Pro League....

IL PRESIDENTE DEL GETAFE: "IL GOVERNO HA DETTO CHE NON SI PUÒ VIAGGIARE, NON LO FAREMO"

Il presidente del Getafe: "Il Governo ha detto che non si può viaggiare, non lo faremo"“Non viaggeremo, non andremo a Milano. Prima di tutto la salute. Questa partita domani non la giocheremo”. Così il presidente del Getafe, Angel Torres in vista della partita di domani contro l’Inter. “Il...

I PRIMI 50 ANNI DEL CHOLO: DALL'ESORDIO IN A AL PISA A LEGGENDA ALL'ATLÉTICO

I primi 50 anni del Cholo: dall'esordio in A al Pisa a leggenda all'AtléticoDiego Simeone compie oggi 50 anni. Il Cholo è diventato in questi anni il tecnico più vincente della storia dell'Atlético Madrid, portando a casa uno storico campionato nel 2013-14, in un'era dove...