eurochampions.it
Mercoledì 27 maggio 2020                     
VAR sì o VAR no? I pareri della redazione

VAR sì o VAR no? I pareri della redazione

© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
La redazione di Eurochampions.it ha dato la propria opinione sul Var, la grande novità della fase finale della Champions League 2018/19.
 di Giorgio Dusi Twitter:    Vedi letture

Nicolò Marchese: Il Var rivoluziona ogni giorno la concezione di calcio che abbiamo. La tecnologia non può che essere d’aiuto alla terna arbitrale, togliendo dubbi di ogni sorta. È vero, magari si potrebbe migliorare, magari ci si potrebbe perfezionare in diversi fattori, ma ciò non toglie che sia un grande elemento positivo.

Jessy Specogna: Il Var é sicuramente uno strumento utile, perché limita gli errori, ma ci deve essere uniformità di giudizio e soprattutto chiarezza nel suo utilizzo. L'arbitro, se richiamato, dovrebbe avere l'obbligo di consultare le immagini, non può accadere che vada o non vada allo schermo a suo piacimento. In questo modo si eviterebbero molte polemiche.

Francesco Mariello: Il VAR è la rovina del calcio ed ha dimostrato la sua dannosità nel momento in cui non è nemmeno stato capace di stabilire se il pallone in Real-Ajax fosse dentro o fuori dal campo. Ha stabilito un'altra cosa, però: che il VAR deve stare fuori dal calcio subito e per sempre.

Leonardo Zeduri: Il VAR è una rivoluzione troppo grossa per essere valutata dopo solo (quasi) due anni dalla sua introduzione. I protocolli nazionali e internazionali sul suo utilizzo non sono uniformi e ci sono ancora troppe lacune che devono essere analizzate. Detto questo la rivoluzione ormai è stata introdotta. Indietro non si torna

Francesco Cammuca: Il VAR, così come ogni strumento in mano all'uomo, ha tanti pro ma anche tanti contro. Da una parte c'è la possibilità di poter correggere degli errori o di evitarli. Dall'altra parte c'è il fatto di dover comunque avere a che fare con esseri umani abituati a fare di testa propria e che talvolta potrebbero anche non "adeguarsi" alla possibilità di sfruttare il mezzo tecnologico.

Gianluigi Sottile: L’unico problema che un appassionato di calcio imparziale può avere col VAR è capire se prima ci va "il" o "la". Per il resto, è abbastanza lampante che sarà una componente del calcio dei nostri figli.

Francesco Paissan: Il Var è una conquista ‘digitale’ in uno sport ancora molto attaccato alle sue tradizioni ‘analogiche’. Credo sia una tecnologia necessaria ma che deve ancora essere perfezionata, per esempio nelle tempistiche d’utilizzo che andrebbero snellite. Si tratta però di uno strumento che deve aiutare l’arbitro a non sbagliare è in questo io vedo qualcosa di nobile, qualcosa che merita il suo ingresso nel calcio di tutti.

Andrea Mauri: Il Var è il futuro del calcio, credo non ci sia nemmeno da discuterne su questo. C'è invece da ridiscutere il protocollo d'applicazione che ad oggi è troppo stringente. Basterebbe eliminare le parole "chiaro" ed "evidente" dal protocollo odierno per ottenere immediati benefici.

Giorgio Freschi: Sull’utilità del VAR credo che ormai non ci siano più dubbi. Le vere problematiche sorgono sui modi, i tempi e soprattutto le casistiche nelle quali può esserci l’intervento del VAR: in questa stagione sono sempre di più gli eventi contrastanti che fanno crescere le polemiche. Serve assolutamente maggior uniformità e chiarezza.

Ada Cotugno: Il mondo è in continua evoluzione, perché il calcio allora dovrebbe restare fermo? Ben venga l’uso del VAR e di ogni tipo di tecnologia in grado di aiutare i nostri arbitri, a cui però deve essere fornito un protocollo unico da seguire. Dopotutto i mali del calcio non sono da cercare in una semplice moviola.

Giorgio Dusi: Prendersela con il Var per gli errori commessi è come prendersela con il tostapane se brucia il toast: non ha senso. La tecnologia nel calcio è una benedizione solo se la si sa usare e se si trova un punto di equilibrio. Cose a cui, col tempo, si arriverà. Per il momento cerchiamo di cambiare protocollo.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

FINO A QUANDO LA UEFA POTRÀ IGNORARE L'EMERGENZA CORONAVIRUS?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir...

JUPILER PRO LEAGUE PIONIERISTICA AI TEMPI DEL VIRUS. MA LA STRADA BELGA È COMPLESSA PER L'ITALIA

Jupiler Pro League pionieristica ai tempi del virus. Ma la strada belga è complessa per l'ItaliaNel pomeriggio ha fatto scalpore la decisione della Federazione belga. E in fondo non potrebbe essere altrimenti, visti i tempi e le modalità di discussione proprie del nostro calcio. “Avviso della Jupiler Pro League....

IL PRESIDENTE DEL GETAFE: "IL GOVERNO HA DETTO CHE NON SI PUÒ VIAGGIARE, NON LO FAREMO"

Il presidente del Getafe: "Il Governo ha detto che non si può viaggiare, non lo faremo"“Non viaggeremo, non andremo a Milano. Prima di tutto la salute. Questa partita domani non la giocheremo”. Così il presidente del Getafe, Angel Torres in vista della partita di domani contro l’Inter. “Il...

I PRIMI 50 ANNI DEL CHOLO: DALL'ESORDIO IN A AL PISA A LEGGENDA ALL'ATLÉTICO

I primi 50 anni del Cholo: dall'esordio in A al Pisa a leggenda all'AtléticoDiego Simeone compie oggi 50 anni. Il Cholo è diventato in questi anni il tecnico più vincente della storia dell'Atlético Madrid, portando a casa uno storico campionato nel 2013-14, in un'era dove...