eurochampions.it
Martedì 14 luglio 2020                     
È un Ronaldo irriconoscibile: voleva firmare la vittoria ma in campo è un fantasma

È un Ronaldo irriconoscibile: voleva firmare la vittoria ma in campo è un fantasma

© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport
 di Redazione Eurochampions   Vedi letture

Undici metri. È la distanza tra il dischetto e la porta, il margine tra l’essere protagonista della vittoria o immagine della sconfitta. Sono quelli che Cristiano Ronaldo non ha potuto percorrere, ieri sera nella finale tra Napoli e Juventus. Per essere l’uomo dell’ultimo rigore. Quello decisivo, se ci si arriva. Come nel 2012, all’Olimpico gli è andata male. A differenza del 2016, quando si prese la copertina della finale di Champions League. 

Voleva firmare la vittoria. CR7 è così, inutile nascondersi. Tutto o niente. Di solito tutto, va detta la verità: non sarà una finale di Coppa Italia (la seconda persa in carriera, però) a cambiare il palmarès di uno dei calciatori più straordinari di tutti i tempi. Il lusitano cinque volte Pallone d’Oro è il catalizzatore, delle attenzioni, del gioco, dei gol: la Juve lo ha accettato, anche ben volentieri, nel momento in cui ha scelto di puntare sul 7 del Real Madrid e farne il colpo del secolo, almeno in Italia. Contro gli azzurri, voleva essere lui, ancora una volta, a mettere il sigillo finale. A fare del trofeo la coppa di Ronaldo, prima ancora che della Juventus.

Invece scompare nella sconfitta. A conti fatti, però, Cristiano Ronaldo non c’è. Assente nella breve e sfortunata (per i bianconeri, ovvio) lotteria dei rigori. Perché l’ultimo è decisivo, a patto di batterlo. Questione annosa, il dibattito è ampio e variegato, dai campetti di calcetto alle finali dei mondiali: nel 2006, Lippi mandò per primi i più bravi, per esempio. Ultimo rigore o no, il punto è che comunque CR7 vi si sarebbe avvicinato dopo una partita in cui è stato attore non protagonista e non certo dei migliori: ha tirato sì, ma quasi mai rendendosi pericoloso. Ha toccato 48 palloni: tra i titolari, soltanto Buffon e Matuidi hanno “giocato” meno nelle fila della Vecchia Signora. Per i verdetti è presto: siamo solo alla seconda partita del calcio Covid. Ma non sempre si è decisivi tirando la stoccata finale.


Altre notizie - Serie A
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

FINO A QUANDO LA UEFA POTRÀ IGNORARE L'EMERGENZA CORONAVIRUS?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir...

CHAMPIONS ED EUROPA LEAGUE RIPARTONO: DATE, SEDI E TUTTI I DETTAGLI DELLE DUE COMPETIZIONI

Champions ed Europa League ripartono: date, sedi e tutti i dettagli delle due competizioniIl Comitato Esecutivo della UEFA ha finalmente preso delle decisioni e comunicato le linee guida generali per ciò che concerne le competizioni europee. Il mondo del calcio, con la ripresa dei principali campionati (almeno la maggior...

IL PRESIDENTE DEL GETAFE: "IL GOVERNO HA DETTO CHE NON SI PUÒ VIAGGIARE, NON LO FAREMO"

Il presidente del Getafe: "Il Governo ha detto che non si può viaggiare, non lo faremo"“Non viaggeremo, non andremo a Milano. Prima di tutto la salute. Questa partita domani non la giocheremo”. Così il presidente del Getafe, Angel Torres in vista della partita di domani contro l’Inter. “Il...

ZINEDINE ZIDANE, DAI SUCCESSI IN CAMPO ALLA STORIA SULLA PANCHINA DEL REAL

Zinedine Zidane, dai successi in campo alla storia sulla panchina del RealÈ considerato, al pari di Michel Platini, uno dei migliori calciatori francesi di sempre. In patria e non solo. Nato a Marsiglia, gli esordi calcistici sono da ricondurre a Cannes, club con cui un giovane Zidane esordì nel...