eurochampions.it
Lunedì 19 aprile 2021                     
TMW Radio
Il Milan cambia pelle, Donnarumma no

Il Milan cambia pelle, Donnarumma no

© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Il giovane portiere è una certezza in casa Milan
 di Emanuele Morabito   Vedi letture
Fonte: Riserva di Lusso

Il Milan post-Berlusconi ha cambiato identità molte volte. La certezza dei rossoneri sembra però essere la presenza fra i pali di Gianluigi Donnarumma, sempre più leader e, rinnovo permettendo, possibile nuova bandiera rossonera.

La filosofia societaria del Milan degli ultimi anni sembra essersi rifatta al celebre passo de Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che recita: “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”. Atteggiamento che avrebbe dovuto essere adottato già negli anni d’oro della compagine rossonera, quando sempre più componenti della rosa erano in procinto di appendere gli scarpini al chiodo.

Senatori del calibro di Maldini, Nesta, Gattuso, Ambrosini, Seedorf e Zambrotta erano ormai giunti a fine carriera e piano piano si sono ritirati, ma il ricambio generazionale – oltre a quello ai piani alti della società con la fine dell’era Berlusconi-Galliani che ha scatenato un valzer di presidenti, dirigenti e allenatori – non ha sortito gli effetti sperati. I nuovi innesti hanno fatto precipitare il club in una spirale fatta di piazzamenti in campionato al di sotto delle aspettative, assenza dalle principali competizioni europee e difficoltà nel trovare nuovi riferimenti con cui costruire un progetto solido e duraturo. L’unico punto fermo, seppur con qualche ostacolo, sembra essere Gianluigi “Gigio” Donnarumma.

Donnarumma il predestinato

Da quando ha indossato i guantoni in occasione della partita di campionato vinta contro il Sassuolo per 2-1 il 25 ottobre 2015, Donnarumma non ha più smesso di difendere i pali del Diavolo. Ironia della sorte, la sera del 21 luglio 2020 – a 21 anni, 4 mesi e 26 giorni – toccherà quota 200 presenze in maglia rossonera proprio contro i neroverdi.  Lo scenario muterà, poiché questa volta si giocherà al Mapei Stadium, ma il risultato e il portiere titolare del Milan saranno gli stessi.

Il destino ha condotto spesso Donnarumma a bruciare le tappe: le buone prestazioni collezionate con il settore giovanile rossonero gli avevano riservato un posto in Primavera già a 15 anni. Essendo aggregato ai futuri titolari del Milan, nel campionato 2014/2015 era già stato convocato in Prima Squadra durante la partita contro il Cesena. La squalifica di Diego López e il forfait di Michael Agazzi costrinsero Christian Abbiati a scendere in campo. Gigio quindi si accomodò in panchina agli ordini di Filippo Inzaghi. L’attuale allenatore del Benevento, per uno scherzo del destino, non lo ebbe mai a disposizione in qualità di tecnico della Primavera, poiché l’annata precedente Donnarumma militava tra le file dei Giovanissimi.

A pagare le conseguenze dell’ascesa del giovane di Castellammare di Stabia nella stagione successiva fu in primis il titolare designato Diego López il quale, nelle prime uscite, aveva dimostrato poca affidabilità. Approccio che convinse Siniša Mihajlović a ribaltare le gerarchie e a schierare la promessa sedicenne. Scelta non condivisa dal patron Berlusconi: come rivelato in seguito dal tecnico serbo, durante la settimana dell’esordio di Donnarumma il patron rossonero si recò due volte a Milanello per convincerlo a puntare ancora sull’estremo difensore spagnolo, rischiando così di ritrovarsi senza mister: dare retta al presidente avrebbe significato fare le valigie.

L’intuizione di Mihajlović prevalse e si impose a tal punto che lo sbocciare del talento cristallino di Donnarumma comportò un’altra sistemazione per Diego López, che, successivamente, lo definirà la più grande forza della natura che abbia mai visto fra i pali:

Ha un talento incredibile, già a 16 anni aveva enormi doti fisiche e sta battendo tutti i record di precocità. Viste le sue qualità, quando è venuto fuori, è stato difficile per me riuscire a ritagliarmi uno spazio, così ho scelto l’Espanyol.

Un rinnovo tormentato

Nonostante la rivoluzione ai vertici della società, Donnarumma diventa la punta di diamante del Milan. È il gioiello rossonero, ma è anche il pupillo di Mino Raiola. Quest’ultimo non vede di buon occhio il nuovo direttore sportivo Massimiliano Mirabelli e ritiene il disegno cinese senza fondamenta. La volontà della società è rinnovare il contratto del numero 99 – in scadenza il 30 giugno 2018 – per farne la colonna portante del nuovo progetto.

Al compimento della maggiore età, ha inizio il tira e molla tra il potentissimo agente italo-olandese e la nuova dirigenza. Si aprono mesi roventi di trattative saltate e fratture apparentemente insanabili: il 15 giugno 2017, in conferenza stampa, l’amministratore delegato Marco Fassone annuncia l’intenzione di Donnarumma di non rinnovare. Tre giorni dopo, al debutto contro la Danimarca all’Europeo Under 21 in Polonia, alcuni tifosi di un Milan Club locale espongono uno striscione con scritto “Dollarumma” e lanciano dei dollari finti in campo. L’11 luglio 2017, contrariamente a quanto ci si aspetti, la fedeltà calcistica prevale sul denaro e la passione all’interesse. Il calciatore non asseconda il suo manager e firma il rinnovo contro la sua volontà.

Donnarumma rimane l’unica costante quando la cordata cinese neo-proprietaria del club decide di rifondare la squadra: nell’estate 2017 la spesa folle di Fassone e Mirabelli – poco più 240 milioni di euro – è l’emblema della trasformazione. La rosa a disposizione del tecnico Vincenzo Montella si amplia con undici nuovi giocatori: tra questi Antonio, fratello maggiore che Gianluigi, fin da piccolo, ha osservato parare proprio come lo zio. A quanto pare, essere una saracinesca è sempre stato un affare di famiglia.

L’intricatissima trama della telenovela rinnovo resterà nella mente di una frangia di sostenitori rossoneri anche nei mesi successivi: la sera del 13 dicembre 2017, in occasione del match di Coppa Italia contro il Verona, verrà contestato con fischi e insulti. Sarà mostrato persino uno striscione che lo esorterà ad andarsene. Donnarumma, che esponendosi contro il proprio procuratore ha ribadito il proprio amore ai colori rossoneri, inizierà a sentire la pressione del beniamino non più amato. Partita dopo partita, però, imparerà a rispondere sul campo.

La consapevolezza raggiunta

Il terremoto che vedrà riformato il Consiglio d’Amministrazione rossonero negli anni a venire, il valzer degli allenatori, le cessioni e i nuovi acquisti non scalfiranno il ruolo di Donnarumma, sempre più leader di una squadra di cui diventa l’unica certezza, confermandosi tra i migliori portieri italiani in circolazione.

All’inizio era normale ascoltare quelli più grandi di me. Ora non è tanto per l’età, ma sono tra quelli che giocano da più anni al Milan e quindi ho un ruolo importante nello spogliatoio. Mi faccio sentire e do qualche sgridata a qualcuno quando devo.

Parole di chi ha assunto consapevolezza del proprio ruolo. L’esperienza, infatti, lo sprona a rimanere attento e a non compromettere l’intera partita per una rete subita, annullando lo scoramento e privilegiando la concentrazione:

Gli errori a volte fanno parte del gioco e purtroppo, quando sbaglia un portiere, c’è una rete dietro. Ma sbagliando si impara e cercherò di sbagliare il meno possibile. Gli errori capitano e devi essere bravo ad andare avanti anche in partita.

Donnarumma diventerà una bandiera rossonera?

Se a 21 anni e 361 giorni hai già collezionato 200 presenze in Serie A entri di diritto nella storia, anche perché sei il giocatore più giovane a tagliare un simile traguardo nell’era dei tre punti a vittoria. Se stabilisci il primato con la stessa squadra che ti ha lanciato e in uno dei derby più sentiti degli ultimi anni, potresti avere tutte le carte in regola per essere consacrato uno degli ultimi baluardi del calcio nostalgico delle bandiere.

Ultimamente il Milan è in calo: i 15 punti racimolati nelle ultime nove partite hanno quantificato le evidenti difficoltà di inizio 2021 e la sonora sconfitta contro i nerazzurri avvenuta la scorsa domenica ha suscitato non pochi mormorii tra i tifosi: molti supporters hanno iniziato a mettere in discussione i ruoli all’interno dello spogliatoio, invocando a gran voce la consegna della fascia da capitano proprio a Donnarumma.

Un traguardo che l’estremo difensore si era già prefissato nel corso di un’intervista a La Stampa, pubblicata la vigilia del match contro la Juventus del 22 ottobre 2016, a circa un anno di distanza dal suo esordio in Serie A. Si era dato come tempo dieci anni, ne sono passati quasi la metà.

Il modo in cui ha voluto incoraggiare la squadra il giorno dopo la partita contro l’Inter, invocando la compattezza del gruppo, fa pensare che possa diventare il perno della corazzata rossonera. E, più di ogni altra cosa, che non abbia intenzione di cambiare aria proprio ora che il Diavolo potrebbe di nuovo figurare nel calcio che conta. La trattativa per il rinnovo del contratto, a 4 mesi dalla scadenza, non è ancora decollata: i contatti tra dirigenza ed entourage del giocatore sono fittissimi, ma manca l’intesa su cifre e clausole.

I tifosi si chiederanno se l’ambizione sovrasterà ancora una volta il business. Se a convincere Donnarumma a restare e a diventare una bandiera del Milan basteranno le voci dei suoi sostenitori, lo dirà solo il tempo: al massimo Maldini e Massara potranno provare a rinchiuderlo a chiave dentro Casa Milan.

Nel 2008, con un certo Gennaro Gattuso, l’espediente funzionò: il passaggio al Bayern Monaco del centrocampista calabrese era ormai imminente, ma Galliani e Ancelotti, non ancora rassegnati, lo blindarono dentro al museo del Milan. L’episodio suscitò un ripensamento in Ringhio, che decise di rimanere ed ebbe il tempo di aggiungere un altro Scudetto in bacheca prima di ritirarsi. La fine della carriera per Donnarumma è ancora molto lontana, ma ricordare l’episodio non potrebbe essere un ottimo pretesto per convincerlo a restare?


Altre notizie - Serie A
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

JUVE: CHI NON OSA NON VINCE. ADESSO SI RISCHIA TANTO PER LA QUALIFICAZIONE IN CHAMPIONS

Juve: chi non osa non vince. Adesso si rischia tanto per la qualificazione in ChampionsQuest’anno ormai sta diventando un film già visto in ogni gara. Con qualsiasi squadra la Juventus giochi, il copione è sempre lo stesso. Inizio buono, con grande possesso palla, con fraseggi e passaggi corti, ma sempre...

BAYERN MONACO, MÜLLER POSITIVO AL CORONAVIRUS

Bayern Monaco, Müller positivo al CoronavirusSalterà la finale del Mondiale per Club

INTER: VIA CONTE, ARRIVA ALLEGRI

Inter: via Conte, arriva AllegriSembra finita qui la storia tra Antonio Conte e l' Inter. Da indiscrezioni infatti sembrerebbe ormai certo l'addio del tecnico , con una buonuscita di 7 milioni. Conte starebbe cosi un anno fermo per poi riapprodare in nazionale al...

VERSO UN CALCIO PIÙ GLOBALE,INFANTINO ANNUNCIA UNA RIVOLUZIONE.

Verso un calcio più globale,Infantino annuncia una rivoluzione. Se ne parla da anni, ma adesso sembrano esserci idee più concrete per quanto riguarda una rielaborazione delle coppe internazionali sia per club che per nazionali. Gianni Infantino,attuale presidente FIFA, in occasione...