eurochampions.it
Mercoledì 22 Gennaio 2020                     
Il Lilla in Champions non riesce più a vincere

Il Lilla in Champions non riesce più a vincere

 di Davide Marchiol   Vedi letture

20 novembre 2012. Bisogna andare ben 7 anni indietro per trovare l'ultimo successo del Lilla nella UEFA Champions League. Quella volta a cadere fu il BATE Borisov, in Bielorussia tra l'altro. Si va addirittura ad 11 anni fa per trovare un successo dei Mastini in casa propria, nello specifico il 17 ottobre 2006 i francesi si imposero per 3-1 sull'AEK Atene. Praticamente un'epoca fa. La nuova era, che ha riportato la città del nord della Francia ad assaggiare il grande palcoscenico europeo, non è che si sia aperta con i migliori auspici. Sono arrivate infatti le sconfitte con Ajax e Chelsea e ieri, proprio in casa, con il Valencia c'era la grande possibilità di tenere comunque aperti i giochi qualificazione, visto il successo dei Blues in terra olandese.

La pratica Valencia invece si è risolta con un misero 1-1, per giunta agguantato all'ultimo grazie a Ikonè, che al 95' ha impattato il gol di Cerysev, con gli spagnoli per giunta in dieci uomini negli ultimi dieci minuti. Una grande chance sprecata, ma a questa compagine sembra mancare l'esperienza per incidere nel modo giusto, anche perchè occasioni ce ne sono state eccome, non si può parlare di girone di ferro. Eppure la banda di  Galtier non è riuscita a imporsi in casa proprio contro un Valencia che ha vissuto un avvio di stagione decisamente tribolato, con un cambio di allenatore già ai primi di settembre.

Il talento non manca, ma l'impressione è che gli uomini chiave del Lilla nelle partite pesanti non riescano a incidere. Quando Osimhen, ventenne nigeriano arrivato dallo Charleroi, non è servito adeguatamente nessun'altro è in grado di prendersi la squadra sulle spalle e portare la nave in porto. Sicuramente la cessione di Pepè a livello di gioco sta incidendo e non poco, ma sono comunque arrivati giocatori di talento come appunto il centravanti, Yazici o Bradaric, eppure manca sempre qualcosa per arrivare a bottino pieno. Al Mestalla i Mastini hanno l'ultima chance di tenere aperti i giochi, una sconfitta significherebbe dire addio non solo agli ottavi, ma con tutta probabilità anche al terzo posto, valido per l'Europa League. Un peccato, perchè il Lilla è squadra di talento, ma senza esperienza e cinismo non si va lontani.


Altre notizie - Approfondimenti
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

UN'IMPRESA STORICA

Non c'è altro modo per parlare dell'Atalanta che stasera ha abbattuto lo Shakhtar Donetsk a Kharkiv. Una impresa che resterà nella storia, perché alla prima partecipazione i nerazzurri riescono, dopo tre partite perse, a passare un girone che sembrava...

RIPARTIRE DA MILIK. A NAPOLI DOPO GENK IDEE PIÙ CHIARE (ANCHE SUL RINNOVO)

Ripartire da Milik. A Napoli dopo Genk idee più chiare (anche sul rinnovo)E sono otto. Cinque in campionato, i primi tre in Champions League. Milik è tornato dopo oltre un mese ha fatto capire perché, senza di lui, il Napoli nelle ultime partite ha faticato così tanto in zona gol. Contro...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.