eurochampions.it
Mercoledì 22 Gennaio 2020                     
Il Manchester United e una crisi senza fine: l'ennesimo ribaltone in panchina risolleverà le sorti dei Red Devils?

Il Manchester United e una crisi senza fine: l'ennesimo ribaltone in panchina risolleverà le sorti dei Red Devils?

 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture

Manchester United sempre più giù. Sembra davvero passata un'eternità da quei tempi in cui i Red Devils erano capaci di dominare in Premier e in Europa. Una vera e propria maledizione si è abbattuta sull'Old Trafford: dopo l'addio di sir Alex Ferguson, tralasciando la breve parentesi positiva con Mourinho, nonostante centinaia di milioni di euro spesi sul mercato, è crisi profonda. La squadra più gloriosa d'Inghilterra, lo dicono i numeri, è entrata da tempo in un tunnel di cui nessuno sembra riuscire nemmeno a intravedere l'uscita.

Anche contro un Newcastle da zona retrocessione, è arrivata l'ennesima sconfitta di questo straziante inizio. Un ko che però è tutt'altro che una novità. La stagione è cominciata male e pare continuare peggio: 12esimo posto in classifica, gli stessi punti di realtà come Sheffield United e Brighton ed un'identità di squadra che si fatica a trovare.

Eppure le qualità, almeno sulla carta, ci sarebbero: c'è Pogba, ci sono Rushford e Mata, c'è Maguire, difensore sul quale si in estate si è investito un'enormità in estate. La filosofia era chiara: uno United giovane, che ha puntava sul vivaio, per ripetere almeno in parte le operazioni che portarono alla nascita della mitica Class of '92. Ma la crescita di McTominay e Greenwood non basta per risollevare le sorti del club, ceduti Lukaku e Sanchez, non si è pensato a sostituirli con giocatori all'altezza. Resta la sensazione quindi che questa squadra sia costruita male e che, salvo qualche colpo dei singoli, il potenziale sia inferiore a quello degli anni scorsi. Difficile così competere ad alti livelli, difficile puntare ad obiettivi importanti.

L'altro problema porta il nome di Pogba, non leader come la società vorrebbe ma separato in casa. Il francese, pentito da tempo di essere tornato all'Old Trafford, nell'ultima estate è stato trattenuto contro la sua volontà. Un mossa che si è rivelata controproducente visto che ora in rosa c'è un giocatore svogliato e con le valige in mano.

Che fare? I tifosi, infuriati per le prestazioni decisamente insufficienti della squadra, chiedono ora la testa dell'allenatore. Ole Gunnar Solskjaer è passato dall'essere il prodigio di casa adorato da tutti al tecnico che nelle prime otto giornate di Premier è riuscito a fare peggio di David Moyes, Louis Van Gaal e José Mourinho. Per trovare una partenza peggiore per il Manchester United bisogna tornare indietro esattamente di trent'anni. L'idea dell'ennesimo ribaltone, che vedrebbe l'allontanamento di Solskjaer e l'arrivo di un nuovo tecnico di spessore internazionale, chiamato a riuscire dove tutti hanno fallito dopo Sir Alex. Ci sarebbe persino chi rimpiange Mourinho, ma il nome più gettonato è quello di Massimiliano Allegri, seguito da quel Mauricio Pochettino in crisi al Tottenham dopo averlo portato fino alla finale di Champions League persa con il Liverpool. Ce la farà l'ex Juve a raccogliere l'eredità pesantissima di Ferguson? Difficile dirlo, l'operazione pare essere davvero una mission impossible. 


Altre notizie - Approfondimenti
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

UN'IMPRESA STORICA

Non c'è altro modo per parlare dell'Atalanta che stasera ha abbattuto lo Shakhtar Donetsk a Kharkiv. Una impresa che resterà nella storia, perché alla prima partecipazione i nerazzurri riescono, dopo tre partite perse, a passare un girone che sembrava...

RIPARTIRE DA MILIK. A NAPOLI DOPO GENK IDEE PIÙ CHIARE (ANCHE SUL RINNOVO)

Ripartire da Milik. A Napoli dopo Genk idee più chiare (anche sul rinnovo)E sono otto. Cinque in campionato, i primi tre in Champions League. Milik è tornato dopo oltre un mese ha fatto capire perché, senza di lui, il Napoli nelle ultime partite ha faticato così tanto in zona gol. Contro...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.