eurochampions.it
Domenica 8 Dicembre 2019                     
La Juve e le altre favorite: sarà l'anno giusto di....

La Juve e le altre favorite: sarà l'anno giusto di....

© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
 di Redazione Eurochampions   Vedi letture

Può essere davvero l'anno della Juventus? La risposta, contando l'antifona e l'antefatto di cui sopra, è chissà. Forse sì, s'intende, perché a Cristiano Ronaldo, che ha una mano piena di successi in Europa, si è aggiunto l'olandese dalla faccia pulita sopra citato, è arrivato un giochista che nelle idee di Agnelli può essere il manico giusto per conquistare la Champions e sono approdati a Torino pure altri ragazzi o quarantenni di certa e comprovata esperienza internazionale. Maurizio Sarri non ha esperienza, è il paradosso della guida con minor lignaggio europeo di ognuno dei suoi ragazzi, ma vuol compensare, nella mente e nelle idee, col gioco e con le giocate. Sarri-ball non è, chissà se lo sarà. Però il girone è abbordabile, domani è una riprova ma non è certo l'esame decisivo. Iniziare bene, a Madrid, al Wanda, contro Diego Simeone che ha fatto della rivoluzione del cuore, del sudore e del coraggio la sua arma migliore, sarebbe un risultato ben più che atletico. Sarebbe una prima pietra per costruire il sogno che ultimamente è quasi ossessione, sebbene ogni componente, scossa dai temporali degli ultimi anni, si guardi bene dall'ammetterlo.

Chi sono le favorite? Il conto è presto fatto, nel pallone d'oggi fa spesso rima coi conti. Non sempre, ma il circolo vizioso e virtuoso arriva da lì. Dal Barcellona di Lionel Messi, che con la fascia da capitano, pur senza Neymar, vuol riconquistare l'Europa. Dal Real Madrid che è sempre il Real Madrid nonostante gli ultimi inciampi. Ha Zidane, Hazard, Ramos e via pagando, e segnando, e vincendo. Dal Manchester City perché ha Guardiola e pur non avendo una difesa impenetrabile, ha il gioco più bello e spesso efficace del globo. Dal Liverpool perché l'inizio casalingo è meraviglioso e perché è campione in carica. Dal Bayern Monaco, che fa sempre poca notizia ma comunque tanta sostanza. Dal Paris Saint-Germain, perché Al Khelaifi ha tenuto il ribelle Neymar, ha Mbappé, ha Icardi, ha Cavani, ha i denari e ha soprattutto voglia di incappare nell'anno buono dopo le magre delle ultime campagne. Chissà che non passi pure dal Chelsea dei giovani e di Lampard, dal Borussia Dortmund dei giovani e di Favre, dal Tottenham degli stessi più Ndombele e Lo Celso e che a Madrid comunque c'era.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

PAULO DYBALA E UNA SERATA DA DIEGO

Paulo Dybala e una serata da DiegoAl ventesimo minuto di Juventus contro Atletico Madrid, i sedili dell'Allianz Stadium di Torino hanno tremato. Sbattuti contro gli schienali, anche il più comodo dei tifosi è saltato sugli stivali. Un lancio lungo, un...

IL LILLA IN CHAMPIONS NON RIESCE PIÙ A VINCERE

Il Lilla in Champions non riesce più a vincere20 novembre 2012. Bisogna andare ben 7 anni indietro per trovare l'ultimo successo del Lilla nella UEFA Champions League. Quella volta a cadere fu il BATE Borisov, in Bielorussia tra l'altro. Si va addirittura ad 11 anni fa per...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.