eurochampions.it
Martedì 7 Aprile 2020                     
Arsenal, addio sogni di gloria. E davanti c'è un futuro più che mai difficile

Arsenal, addio sogni di gloria. E davanti c'è un futuro più che mai difficile

© foto di Insidefoto/Image Sport
 di Simone Lorini   Vedi letture

Unai Emery non è riuscito a fare il miracolo che l'avrebbe fatto entrare di diritto nella storia dell'Europa League: il triplo successo colto quando allenava il Siviglia non è stato bissato sulla panchina dell'Arsenal, sconfitta ieri nella finale giocata a Baku. Un ko  che mette seri dubbi sul progetto futuro dei Gunners, ancora privi di un direttore sportivo di riferimento, ancora una volta esclusi dalla Champions League grazie alla sconfitta di ieri e reduci da un campionato assolutamente deficitario in Premier League. Non tanto per il quinto posto maturato, ma per come il risultato è stato ottenuto: infatti la zona Champions sembrava non solo alla portata, ma ampiamente consolidata nel finale di stagione, quando la formazione londinese guidata dal tecnico spagnolo ha inspiegabilmente mollato, perdendo contro avversari nettamente più deboli e pregiudicando così un cammino che avrebbe dovuto riportare i Gunners della massima competizione continentale.

E davanti, c'è una prospettiva di mercato difficile: non sarà affatto semplice per Emery e per chi lo aiuterà nella compravendita di giocatori, convincere le stelle internazionali a scegliere  l'Emirates Stadium, a maggior ragione dopo l'addio di Aaron Ramsey, uno dei simboli dell'ultima decade in casa Arsenal, grazie alla crescita esponenziale avuta sotto Wenger. E se il mercato inglese rimane incredibilmente superiore dal punto di vista della disponibilità, in confronto a quelli tedesco, francese e italiano, è comunque difficile pensare ad un Arsenal in grado di di lottare per il titolo in patria nel giro dei prossimi anni. La superiorità incredibile dal punto di vista tecnico, organizzativo ed economico che possono vantare Tottenham, Liverpool, Manchester City ma anche gli avversari di ieri il Chelsea, appare difficilmente colmabile nel giro di qualche annata. 


Altre notizie - Europa League
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

FINO A QUANDO LA UEFA POTRÀ IGNORARE L'EMERGENZA CORONAVIRUS?

Fino a quando la UEFA potrà ignorare l'emergenza Coronavirus?Non facciamoci maestri, perché anche noi fino a dieci giorni fa abbiamo provato a fare la stessa cosa. Abbiamo provato a girarci dall'altro lato - a non guardare l'emergenza sanitaria che ci stava venendo incontro come un tir...

MARTEDÌ LA UEFA ANNUNCERÀ LO SLITTAMENTO DI EURO 2020. ORA IL DUBBIO DELLE FEDERAZIONI È UN ALTRO: SI RIUSCIRÀ A COMPLETARE LA STAGIONE ENTRO IL 30 GIUGNO?

Martedì la UEFA annuncerà lo slittamento di Euro 2020. Ora il dubbio delle Federazioni è un altro: si riuscirà a completare la stagione entro il 30 giugno?Resta a casa anche il mondo del calcio. Tutti hanno chiuso i battenti seguendo più o meno la stessa trafila: prima ignoro il problema, poi lo sottovaluto, poi cerco di mandare avanti lo spettacolo finché è...

IL PRESIDENTE DEL GETAFE: "IL GOVERNO HA DETTO CHE NON SI PUÒ VIAGGIARE, NON LO FAREMO"

Il presidente del Getafe: "Il Governo ha detto che non si può viaggiare, non lo faremo"“Non viaggeremo, non andremo a Milano. Prima di tutto la salute. Questa partita domani non la giocheremo”. Così il presidente del Getafe, Angel Torres in vista della partita di domani contro l’Inter. “Il...

2 APRILE 1995, DAVID BECKHAM FA IL SUO ESORDIO IN PREMIER LEAGUE

2 aprile 1995, David Beckham fa il suo esordio in Premier LeagueIl 2 aprile 1995 David Beckham esordisce in Premier League con il Manchester United, nella partita all'Old Trafford contro il Leeds (0-0). Era la stagione in cui il Manchester stava lottando con il Blackburn per la conquista del titolo....