eurochampions.it
Mercoledì 22 Gennaio 2020                     
Mertens-Insigne regalano il successo ad Ancelotti: Napoli corsaro, 3-2 a Salisburgo

Mertens-Insigne regalano il successo ad Ancelotti: Napoli corsaro, 3-2 a Salisburgo

 di Redazione Eurochampions   Vedi letture

Preferisco la coppa. Carlo Ancelottil’ha sempre detto, ma fino a stasera non aveva mai vinto in trasferta in Champions League da allenatore del Napoli. Il successo arriva stasera, al termine di una partita bella, a tratti davvero elettrizzante, decisa dagli attaccanti ma caratterizzata anche da diverse incertezze difensive, da una parte all’altra. Il volto della gara, per certi versi, è quel Kevin Malcuitentrato, nel bene o nel male, in quattro dei cinque gol visti stasera alla Red Bull Arena. A rubare la scena, però, ci sono da un alto Dries Mertens e dall’altro Erling Braut Haaland: il belga eguaglia e supera Maradona, poi sforna l’assist per il 3-2 definitivo. Il norvegese, semplicemente, è una forza della natura da comprare domani, per qualsiasi club di alto livello. E poi c’è Lorenzo Insigne: regala al suo tecnico la vittoria e anche un abbraccio che sa tanto di pace ritrovata. I sorrisi del Napoli, stasera, sono davvero di più dei mal di pancia. Le nubi, i casi di mercato, i desideri e le suggestioni per il futuro sono rimandati a domani. Oggi il Napoli di Ancelotti vince, con i suoi campioni di sempre. 

MILIK FUORI. INSIGNE (DI NUOVO) ANCHE, LUPERTO PER MANOLAS - L’infortunio all’ultimo di Manolas costringe Ancelotti a schierare Luperto al posto del greco e, complice l’assenza di Ghoulam, a non avere giocatori difensivi in panchina. Dove si siede, ancora una volta, Insigne: a sinistra gioca Milik. Col capitano anche Arek Milik: le parole al miele non bastano, in attacco c’è Lozano con Mertens. Nel Salisburgo, fuori a sorpresa Szoboszlai: dentro Daka per un undici di partenza ancora più offensivo. Per il resto, Marsch non sorprende.

OCCASIONE MERTENS, HAALAND SPAVENTA MA È FUORIGIOCO - Le due squadre partono a mille, letteralmente. Dopo un minuto Mertens ha sul piede l’occasione per bucare Stankovic, che però riesce a deviare in angolo. Pochi minuti dopo, Mwepu cerca la conclusione da fuori. La palla carambola sul corpo di Zielinski e finisce a Haaland, che insacca. L’arbitro Turpin dapprima convalida, poi rivede l’azione al gol è annulla il gol dell’1-0 austriaco: la posizione di offside del norvegese, il discrimine è tra giocata e deviazione involontaria. Prevale la seconda interpretazione: niente gol. 

MARAMERTENS, 1-0 - Al 17’ arriva l’episodio che i quasi 1500 tifosi del Napoli arrivati sin qui aspettavano. E l’1-0 passa quasi in secondo piano: Malcuit mette dentro per Callejon, sponda aerea per Mertens che controlla e scarica un gran destro. Stankovic battuto, e sono 115: è questo il numero dei gol segnati da Mertens con la maglia del Napoli. Eguagliato Diego Armando Maradona, il belga punta adesso a Hamsik, primatista con 121 gol. Per la cronaca, appunto, è anche 1-0 in favore dei ragazzi di Ancelotti. 

IL TORO VEDE ROSSO: CHE REAZIONE. E CHE MERET - Incassato il gol, i ragazzini terribili del Salisburgo non stanno certo a guardare. Anzi: la squadra di Marsch dà vita a una reazione furente, con Meret determinante prima su Haaland (un vero spauracchio), poi su Daka. Fronte Napoli: Lozano offre qualche spunto, Mertens prova l’eurogol da centrocampo. Fa male, ma al portiere Stankovic, che nel tentativo di prendere il pallone (comunque destinato fuori) si fa male ed è costretto a uscire: al suo posto dentro Coronel.

MALCUIT STENDE HWANG, HAALAND PAREGGIA SU RIGORE - Detto di Malcuit decisivo nell’azione dell’1-0, il francese è costantemente in difficoltà sul sudcoreano Hwang. Al 40’ lo stende platealmente in area e Turbin non può avere dubbi: calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Haaland (poi ammonito per una scaramuccia con Di Lorenzo), che spiazza Meret: è 1-1, il risultato sul quale le squadre, pochi minuti dopo, riprendono la via degli spogliatoi.

ANCELOTTI CAMBIA, MERTENS SUPERA DIEGO - Viste le difficoltà in fase di manovra nel primo tempo, il tecnico del Napoli cambia la disposizione dei suoi: Zielinski va al centro, Fabian a sinistra. La prestazione del polacco non migliora di molto, mentre lo spagnolo si fa notare per una bella e testarda iniziativa. Poi sulla partita irrompe ancora Mertens: cross di Malcuit (croce e delizia) da destra, colpo di prima sul secondo palo. 2-1 Napoli a Salisburgo, 116 gol in maglia azzurra per il belga, che supera così Maradona.

FUORI LOZANO, DENTRO INSIGNE. E UNO-DUE SPETTACOLO - Trovato il vantaggio, Ancelotti toglie un Lozano più in palla ma non ancora convincente, per inserire Insigne. Haaland non ha però finito il suo spettacolo serale: sugli sviluppi di un calcio d’angolo il norvegese spunta alle spalle di Koulibaly e Malcuit (entrambi non attentissimi) e di testa batte Meret. Neanche il tempo per il pubblico di casa da festeggiare, che arriva il 3-2 del Napoli. Un gol liberatorio, perché lo segna Insigne, servito da Mertens, poi bravo e anche fortunato nel restare in piedi e battere Coronel col tocco morbido. La cosa più bella? L’abbraccio ad Ancelotti per esultare: cercato, bramato. Il segnale che i dissapori del passato sono ormai alle spalle. 


Altre notizie - Primo Piano
Altre notizie

SONDAGGIO

LA JUVE è LA FAVORITA PER LA CHAMPIONS?
  Si
  No

UN'IMPRESA STORICA

Non c'è altro modo per parlare dell'Atalanta che stasera ha abbattuto lo Shakhtar Donetsk a Kharkiv. Una impresa che resterà nella storia, perché alla prima partecipazione i nerazzurri riescono, dopo tre partite perse, a passare un girone che sembrava...

RIPARTIRE DA MILIK. A NAPOLI DOPO GENK IDEE PIÙ CHIARE (ANCHE SUL RINNOVO)

Ripartire da Milik. A Napoli dopo Genk idee più chiare (anche sul rinnovo)E sono otto. Cinque in campionato, i primi tre in Champions League. Milik è tornato dopo oltre un mese ha fatto capire perché, senza di lui, il Napoli nelle ultime partite ha faticato così tanto in zona gol. Contro...

LE ITALIANE IN CHAMPIONS SECONDO CONDÒ: "JUVE TRA LE FAVORITE. INTER E NAPOLI DEVONO PASSARE. L'ATALANTA PUÒ SOGNARE"

Le italiane in Champions secondo Condò: "Juve tra le favorite. Inter e Napoli devono passare. L'Atalanta può sognare"Questa sera inizia la Champions. Subito in campo Inter e Napoli, domani invece toccherà alla Juve e all'Atalanta. Ma quale sarà il cammino delle nostre compagini in Europa. Lo abbiamo cheisto a Paolo Condò,...

STASERA BARCELLONA-INTER: DOLCI RICORDI DI QUELLA SEMIFINALE DEL 2010

Stasera Barcellona-Inter: dolci ricordi di quella semifinale del 2010Stasera al Camp Nou l'Inter affronterà il Barcellona. La mente dei tifosi nerazzurri va al ricordo di quell'anno magico che fu il 2010 e a quella semifinale memorabile proprio contro i blaugrana.