eurochampions.it
Domenica 15 Settembre 2019                     
ESCLUSIVA EC - L'ex De Agostini:

ESCLUSIVA EC - L'ex De Agostini: "Quando sei alla Juve devi pensare solo a vincere. L'Atletico ti fa giocare male, tocca a Ronaldo fare qualcosa in più"

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture

217 occasioni, 28 goal, una Coppa Italia e soprattutto una Coppa Uefa, è questo il bottino con la maglia della Juve di Luigi De Agostini. Ha la sfortuna, però, di arrivare in una Juventus modesta, troppo impegnata ad un vano inseguimento di Napoli e Milan e vi rimane solo per cinque stagioni.

"Ho avuto la possibilità di provare tanti ambienti nel corso della mia carriera. La mia Juve non era forte come quella di adesso, non avevamo grandi campioni come Ronaldo, ma la mentalità era sempre vincente" ci racconta Gigi ai nostri microfoni. "La differenza che ha la Juve rispetto a tutti gli altri club e che altrove ti alzi e fai colazione, alla Juve ti alzi, pensi che devi vincere e poi fai colazione. Se fai un pareggio o una sconfitta inizia a bruciarti il terreno sotto i piedi. Devi vincere per forza, sempre perché quello che conta è soltanto la vittoria".

Per questo motivo la Juve non fallirà l'apputamento cruciale della stagione contro l'Atletico: "La partita importante è quella Madrid, è una cosa a cui tiene in maniera particolare anche la società. La Juve si sta preparando al meglio per questa partita, convinta che la rimonta è possibile. Per i bianconeri la Champions è fondamentale, nelle partite di Coppa devi andare in campo per non prendere gol, ma a Madrid non ci sono riusciti".

Indispensabile sarà l'apporto di Ronaldo, è a lui che la Juve si deve aggrappare: “Non si può pensare che sia sempre uno a risolvere le partite ma questa sera tocca a lui provare a fare qualcosa in più. Per esperienza, per il fatto che ha l'abitudine a giocare questo tipo di partite tocca a lui fare qualcosa di più. Quando si ha abbondanza di buoni giocatori è difficile farli giocare tutti. A me piace il trio Mandzukic-Dybala-Ronaldo, a patto che a centrocampo ci siano Pjanic, Matuidi e Khedira e ci sia la difesa titolare. Altrimenti ci sono delle difficoltà di equilibrio".

Se la Juve domina in Italia in Europa invece fa difficioltà: "La Coppa è diversa dal campionato, contro l'Atletico devi fare gol. A Madrid non ci sono riusciti, ora bisognerà rimediare. La Juve comunque ha preso la peggior avversaria, una squadra che ti fa giocare male. Spero si aprano delle falle per gli attaccanti della Juventus in modo da fare risultato".


Altre notizie - Esclusive
Altre notizie

SONDAGGIO

QUALE SQUADRA STA FACENDO IL MERCATO MIGLIORE?
  Juventus
  Real. Madrid
  Barcellona
  Manchester City
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Psg
  Tottenham
  Liverpool
  Inter
  Napoli

DIFFICILE PER LE BIG STECCARE CON QUESTO SORTEGGIO, TRA LE ITALIANE L'ATALANTA SE LA PUÒ GIOCARE

Difficile per le big steccare con questo sorteggio, tra le italiane l'Atalanta se la può giocareFinito in queste ore il sorteggio dei gironi di Champions League e c'è da dire che forse mai questo mai come quest'anno la divisione in fasce ha creato dei raggruppamenti dove le big difficilmente potranno steccare,...

UCLDRAW, VAN DIJK È L'UEFA MEN'S PLAYER. BATTUTI MESSI E CR7

UCLdraw, Van Dijk è l'UEFA Men's Player. Battuti Messi e CR7Virgil Van Dijk vince il premio UEFA Men's Player of the Year. L'assegnazione del trofeo arriva a margine del sorteggio dei gironi di Champions, con Van Dijk che ha avuto la meglio sugli altri finalisti Leo Messi e Cristiano...

ESCLUSIVA EC - AMETRANO: "LA MIA JUVE ERA LA SQUADRA PIÙ FORTE DEL MONDO. LIPPI TI FACEVA DARE QUALCOSA IN PIÙ IN CAMPO. LA SFIDA CON L'AJAX? PASSERANNO I BIANCONERI"

ESCLUSIVA EC - Ametrano: "La mia Juve era la squadra più forte del mondo. Lippi ti faceva dare qualcosa in più in campo. La sfida con l'Ajax? Passeranno i bianconeri"Oggi è il giorno di Juve-Ajax, la decisiva sfida che vale un posto in semifinale di Champions League. Un appuntamento che Ronaldo e compagni non vogliono, anzi possono, fallire. La coppa dalle grandi orecchie è diventata...

FERNANDO TORRES LASCIA IL CALCIO: È GIUNTO IL "CANTO DEL NIÑO"

Fernando Torres lascia il calcio: è giunto il "canto del Niño"Fernando Torres si ritira dal calcio giocato lasciandosi alle spalle tanti gol, prestigiosi trofei ma soprattutto le lacrime di chi l'ha amato sempre, sia nei momenti migliori che in quelli peggiori.